In Amore vince chi fugge o chi resta?

Stampa/PDF

L'amore e le sue sfumature 

In amor vince chi fugge o chi resta, credo sia uno degli enigmi più discussi in assoluto, un po' come chiedere se sia nato prima l’uovo o la gallina .
Le infinite e impercettibili sfumature dell'amore sono difficili da decifrare ,non si possono definire delle regole universali .
In una relazione amorosa il carattere e le esperienze di vita ,determinano spesso la natura del rapporto.
Generandone di sani ed equilibrati , piuttosto che amori complessi e travagliati .


L’amore gioia e dolore

L’amore è una cosa meravigliosa, lo cita il famoso titolo di un film degli anni 50 , ed è sempre una definizione molto attuale.
L'amore è generatore di forza, di felicità , di benessere .
Ma quando improvvisamente il rapporto si incrina , proprio nel momento in cui si sente ancora di amare e di avere molto da vivere nella storia ,allora il dolore diventa insostenibile e quel senso di vuoto un baratro incolmabile.
L’autostima crolla, il mondo unico di cui ci si sentiva parte integrante, improvvisamente non esiste più.
E’ difficile capire il momento esatto in cui un rapporto sta per incrinarsi, spesso il declino si accosta all’inizio di silenzi indecifrabili, all’incapacità di ritrovare i momenti felici e spensierati dei primi tempi , ma soprattutto all’ evidente certezza che non si ha più nulla da condividere.


La razionalità e l’amore sono due mondi paralleli

Spesso non si è in grado di analizzare il rapporto con lucidità quando si è ancora coinvolti. La razionalità non aiuta l’amore .
Anzi più si tenta di dare una spiegazione coerente alla fine di una storia e più non si riesce a farsene una ragione .
Questo perché seppur ogni rapporto sia differente l’uno dall’altro, esistono alcuni meccanismi psicologici tali da attivare delle reazioni simili nella maggior parte degli esseri umani uno tra tutti : ciò che non ci appartiene più diventa improvvisamente affascinante.
Robert B. Cialdini uno psicologo statunitense ha scritto un libro ,
nei primi anni ’80, dal titolo :”Le armi della persuasione”.
Nel capitolo intitolato “la Scarsità “,l’autore spiega come in maniera quasi matematica , qualcosa che sembra sfuggirci dalle mani diventa improvvisamente appetibile, trasformandosi nel nostro oggetto del desiderio.
Se poi è contesa con altri , accaparrarsela diventa fondamentale , sia essa un oggetto o una persona.
Ovviamente il testo è molto più complesso e articolato, così come è di per se il cervello umano.
Ma in sostanza, l’autore spiega che esistono dei meccanismi inconsci nell’animo di ogni individuo , tali da scatenare spesso la stessa reazione in più persone , come quella di riaccendere il desiderio di possesso in qualcosa o qualcuno che pensiamo di non poter più avere .


Perché vogliamo ciò che non possiamo avere

L’idea di stabilità ,di certezza totale, potrebbe rendere meno appetibile quello che abbiamo davanti ai nostri occhi , facendolo apparire talvolta scontato, mentre l’incertezza o la mancanza del possesso, riaccende il fuoco del desiderio a volte sopito.
A chi non è mai capitato di soffrire per un amore sfuggente , un amore bello ma allo stesso tempo inafferrabile ? Ebbene questo amore affascina e fa soffrire proprio perché non è più in esclusiva .
Può sembrare banale , ma è la stessa sensazione di quanto riusciamo ad ottenere ciò che abbiamo sempre desiderato e dopo averlo ottenuto , perde improvvisamente il suo fascino. 
Nell’amore che fugge accade lo stesso meccanismo.


In amor vince chi fugge ?

Forse nel breve si , quando il dolore è ancora fresco.
Ma se ci si sofferma a capire quali sono le motivazioni che ci legano fortemente al desiderio di riconquista , forse si riesce a vedere la situazione con più raziocinio .
Possiamo a quel punto analizzare le cause che inducono l’altra persona a fuggire , ad aver bisogno di evasione , ad aver bisogno di altro .
La risposta che può dare il giusto sollievo è da ricercare in un legame che non funziona più , perchè la noia e la monotonia hanno preso il sopravvento.
Perché si cresce e si cambia imboccando strade diverse. Perché chi fugge forse sta scappando dalle certezze .
Fugge alla ricerca di qualcosa che idealizza continuamente e che nel suo bisogno constante di conferme in realtà , non troverà mai .


In amore non esistono ne vincitori e ne vinti .

In amore vince semplicemente chi resta oltre ogni difficoltà e con la ferma convinzione, che quello che ha è quello che ha sempre desiderato e non ha bisogno di fuggire per cercare altro .
L'Amore quello vero con la A maiuscola è il più affascinante mistero della vita , ma è anche un legame forte che non ha bisogno di test ,ma anzi si alimenta della certezza continua di aver trovato la propria anima gemella .
Stampa/PDF
In Amore vince chi fugge o chi resta?