Innova Venture

Stampa/PDF

Innova Venture è il nuovo fondo per il venture capital della Regione Lazio che investe 20 milioni di euro direttamente nel capitale di startup e Pmi del Lazio, insieme a co-investitori privati e indipendenti, con l’obiettivo di far nascere, sviluppare e consolidare i progetti imprenditoriali. Un’iniziativa che va ad affiancarsi all’altro importante strumento regionale, LAZIO Ventureche mette in campo 56 milioni di euro, attraendo ulteriori capitali privati per almeno 37 milioni, da investire nei fondi di venture capital, gestiti da operatori professionali, che intendono investire nel Lazio, con l’obiettivo di sviluppare il mercato degli operatori di questo settore e generare investimenti strutturali nel capitale di rischio di startup e Pmi del nostro territorio.

Quasi 80 milioni di euro di fondi europei del Por-Fesr 2014-2020, quindi, che nei prossimi mesi andranno a stimolare l’arrivo di altre decine di milioni di euro da parte dei privati per sostenere la parte più innovativa dell’economia del Lazio.

È quanto è stato presentato oggi al We Gil di Roma dal presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, e dall’assessore regionale allo Sviluppo Economico, Gian Paolo Manzella. All’evento sono intervenuti anche: Stefano Firpo (Direttore Generale per la Politica Industriale, la Competitività e le Pmi del Ministero dello Sviluppo Economico), Marco Trombetti (co-founder di Pi Campus), Anna Amati (vicepresidente di Meta Group) e Anilkumar Dave (responsabile dell’Area Ricerca e Trasferimento Tecnologico dell’Agenzia Spaziale Italiana).

La Regione Lazio è attiva nel campo del venture capital sin dalla programmazione del Por-Fesr 2007-2013; ha già investito, tra il 2011 e il 2017, 20,4 milioni di euro nella partecipazione in 33 imprese del territorio, mobilitando circa 10 milioni di euro di investimenti aggiuntivi da co-investitori privati e diventando una best practice riconosciuta a livello comunitario. Un’opera continuata con l’attuale programmazione dei fondi europei del Fesraumentando le somme investite e diversificando le modalità di investimento. La Regione, tramite la sua agenzia per lo sviluppo, Lazio Innova, ha deciso di investire sia in fondi di investimento interessati a localizzarsi e svilupparsi nel Lazio, tramite il fondo di fondi Lazio Venture, sia direttamente nelle imprese, tramite il veicolo di Innova Venture, presentato oggi.

Tramite Lazio Venturefondo di fondi lanciato la scorsa estate, sono state selezionate 16 proposte di altrettanti fondi di venture capital interessati a investire nel capitale di rischio di startup innovative e Pmi del Lazio. Il meccanismo di funzionamento prevede che Lazio Venture, gestito da Lazio Innova, investa in questi fondi che – associando per ogni 6 euro di capitale pubblico di Lazio Venture 4 euro di capitale privato – realizzeranno investimenti in startup e imprese innovative del territorio la cui selezione è attualmente in corso affidata a un Comitato di Investimento indipendente, selezionato tra professionisti del settore. Secondo questo schema i 56 milioni di Lazio Venture genereranno un investimento complessivo di circa 90 milioni di euro.

A questo primo strumento si associa quello presentato oggiInnova VentureL’avviso ha una dotazione finanziaria di 20 milioni di euro ed è destinato a Piccole e Medie Imprese – che non abbiano operato in alcun mercato, che non abbiano effettuato la loro prima vendita commerciale da oltre 7 anni o che richiedano investimenti in equity e/o quasi equity per importi superiori alla media del loro fatturato negli ultimi 5 esercizi – e a promotori (persone fisiche o giuridiche) di Pmi da costituire dopo la delibera del Comitato di Investimento e prima dell’effettivo coinvestimento.

Il fondo Innova Venture è stato costituito, come detto, per investire direttamente, insieme a co-investitori privati e indipendenti, nel capitale di rischio delle startup e nelle Pmi del Lazio attraverso strumenti di investimento equity o quasi equity per far nascere, sviluppare e/o consolidare i loro progetti imprenditoriali. Tra i co-investitori – che possono essere persone fisiche o giuridiche – rientrano i fondi di investimento vigilati, i business angel, altri investitori finanziari e industriali.

Gli investimenti del nuovo fondo riguardano esclusivamente imprese che non siano risultate di interesse da parte dei fondi cofinanziati da Lazio Venture, perché non coerenti con le loro strategie di investimento. Almeno il 50% degli investimenti sarà in imprese il cui ambito di operatività sia riferito alle Aree di Specializzazione individuate nella Smart Specialisation Strategy della Regione Lazio e ai settori “ad alta intensità di conoscenza”. L’investimento minimo del co-investitore privato dovrà essere, a seconda dei casi del 30%, 40% o 60%.

L’istruttoria delle proposte sarà curata da Lazio Innova e la valutazione e le relative decisioni di investimento, gestione e disinvestimento, spetteranno a un Comitato di Investimento indipendente con una consolidata esperienza negli investimenti in venture capital, che selezionerà gli investimenti in base ai ritorni finanziari attesi e secondo logiche commerciali.

Le proposte dovranno essere presentate dalle ore 12 del 18 settembre 2018 esclusivamente a mezzo Pec, dopo aver compilato il formulario apposito sulla piattaforma GeCoWEB (www.lazioinnova.it/gecoweb), accessibile a partire dall’11 settembre 2018.

Stampa/PDF
Innova Venture