KAFKA FRA IRONIA E DRAMMA

Stampa/PDF

Primo appuntamento della rassegna “Strane coppie 2013” sette incontri per tredici classici italiani, francesi, spagnoli, tedeschi. Dal 28 febbraio al 30 maggio presso gli Istituti stranieri di Cultura a Napoli

Kafka fa ridere? Forse sì, anzi sicuramente sì. L’autore spesso leggeva pagine ai suoi amici ridendone secondo la più classica formula dell’umorismo ebraico. “Strane Coppie”, il duello letterario tra scrittori contemporanei che si confrontano sui grandi classici e sui loro autori, ideata da Antonella Cilento e giunta quest’anno alla quinta edizione, grazie alla partecipazione attiva dell’Institut Français di Napoli, del Goethe Institut e dell’Instituto Cervantes e che vede il sostegno speciale del Banco di Napoli e dell’Antica Sartoria Cilento comincia con un primo incontro (giovedì 28 febbraio ore 18,00, Banco di Napoli) dedicato alla scoperta delle doppie letture possibili in Kafka, dove angoscia e leggerezza si toccano e così anche l’ansia di essere schiacciati e l’ossessione persecutoria nascondono il disvelamento comico che ci sorprende nelle situazioni più assurde, paradossali e pericolose. Proseguendo l’esperienza felice dello scorso anno, il primo appuntamento della rassegna è dedicato a un autore-icona controverso e complesso, Franz Kafka, che verrà narrato dalla straordinaria voce di Giuseppe Montesano (con letture di Giancarlo Cosentino), quest’anno impegnato anche in una serie di sette lezioni magistrali presso Lalineascritta. Kafka verrà esplorato nel suo aspetto comico e in quello drammatico, toccando la biografia e lo stile, l’identità ebraica e la difficile storia editoriale del più grande scrittore di lingua tedesca del Novecento. Quest’incontro, per altro, si terrà presso la sede centrale del Banco di Napoli (via Toledo 177, sale delle Assemblee secondo piano): mai luogo fu più adatto ad evocare Kafka, funzionario per tutta la sua breve vita. Un’occasione anche per far conoscere magnifiche sale, come quelle di via Toledo, a un pubblico nuovo, spazi napoletani inediti. L'incontro è gratuito e aperto al pubblico.

Giuseppe Montesano è nato a Napoli nel 1959. Ha scritto i romanzi Nel corpo di Napoli, Mondadori, 1999, Superpremio Vittorini, Premio Napoli, finalista Premio Strega; A capofitto, 1996 e Mondadori, 2000; Di questa vita menzognera, 2003, Feltrinelli, Premio Selezione Campiello, Premio Viareggio; Magic People, 2005, Feltrinelli. Ha tradotto autori francesi, tra cui La Fontaine, Gautier, Flaubert, Villiers de l’Isle-Adam, e per i Meridiani Mondadori ha curato e tradotto le Opere di Baudelaire, 1996, Premio Prezzolini-Lugano, e ha curato le Opere di Ottiero Ottieri, 2009, Meridiani Mondadori. Il suo ultimo libro è Il ribelle in guanti rosa. Charles Baudelaire, Mondadori, Premio Vittorini.

Stampa/PDF
KAFKA FRA IRONIA E DRAMMA