L'accordo UE-Norvegia contro le frodi IVA

Stampa/PDF

Un accordo che stimola la cooperazione in materia di IVA tra l'UE e la Norvegia è stato firmato a Sofia.

L'accordo fornirà agli Stati membri dell'UE e alla Norvegia un quadro giuridico per la cooperazione amministrativa relativamente:

  • alla prevenzione delle frodi IVA
  • all'assistenza reciproca nel recupero dei crediti IVA

Adotta la stessa struttura utilizzata attualmente per la cooperazione tra gli Stati membri e impiega gli stessi strumenti, quali piattaforme elettroniche e moduli elettronici. I meccanismi di frode sfruttano spesso debolezze insite nelle modalità di controllo delle catene di operazioni IVA, quando sono coinvolte controparti situate in paesi terzi.

La Norvegia è il primo paese con cui l'UE ha un accordo in questo settore. Il paese, membro dello Spazio economico europeo, ha un sistema IVA simile a quello dell'UE e vanta una buona tradizione di cooperazione con gli Stati membri dell'UE in materia di IVA.

Il testo è stato firmato da:

  • Vladislav Goranov, ministro delle finanze bulgaro, a nome dell'UE
  • Siv Jensen, ministro delle finanze norvegese, a nome della Norvegia

L'accordo è stato negoziato dalla Commissione sulla base del mandato approvato dal Consiglio nel dicembre 2014.

Il quadro giuridico per la cooperazione in materia di IVA tra gli Stati membri è definito:

  • dal regolamento (UE) n. 904/2010 relativo alla cooperazione amministrativa e alla lotta contro la frode in materia di IVA
  • dalla direttiva 2010/24/UE sull'assistenza reciproca in materia di recupero dei crediti fiscali
Stampa/PDF
L'accordo UE-Norvegia contro le frodi IVA