L'ALLATTAMENTO RIDUCE LA DEPRESSIONE POST-PARTUM

Stampa/PDF

Secondo un recente studio condotto dai ricercatori dell’Università di Cambridge , allattare il proprio bambino riduce la depressione post-partum del 50%. Gli studiosi hanno analizzato un campione di 13. 988 madri e hanno rilevato come l’allattamento agisca da fattore “protettivo” fungendo da stimolante per la produzione degli ormoni (prolattina) che favoriscono il buon umore riducendo in maniera esponenziale lo stress. Perché l’allattamento è importante per la madre? L’allattamento materno procura rilassamento e, se ben riuscito, può accrescere la sicurezza della madre e l’adattamento al ruolo materno. Le donne che allattano, infatti, non solo forniscono sostanze nutritive essenziali al bambino, ma acquisiscono fiducia e sicurezza nell’abilità dell’essere madri. Tuttavia, gli studiosi sottolineano la possibilità che il rischio depressione possa raddoppiare se le donne pianificano e desiderano allattare ma poi in seguito non possono farlo per complicazioni psico-fisiche. Secondo Maria Ivacovou, una delle ricercatrici promotrice dello studio: Queste sono le donne maggiormente a rischio perché subentra una sorta di sindrome del fallimento . La depressione post-partum è un fenomeno assai diffuso e colpisce circa il 10-20% delle neomamme e può comportare serie conseguenze sul piano fisico e psicologico sia per la madre che per il bambino. In 15 anni  vi sono stati numerosi studi che hanno cercato di rilevare una possibile correlazione tra depressione- stress -  allattamento, tuttavia nessuno di questi è riuscito a rilevare una relazione causale tra le variabili prese in esame.  Chiamata anche blues ( stato di malinconia)  post-partum, essa si manifesta come disturbo nervoso che inizia a manifestarsi tra il 3 e il 4 giorno dopo il parto.  Oltre il 70% delle madri manifestano leggeri sintomi depressivi che vanno dall’irritabilità all’ansietà e scompaiono nel giro di pochi giorni. Tuttavia, tale stato può prolungarsi per più giorni sino a perdurare per un anno intero assumendo forme psicotiche: improvvisi cambiamenti d’umore, disperazione, disinteresse verso il bambino, affaticamento, indolenza, inappetenza. Se fino a qualche anno fa si riteneva che l’allattamento al seno potesse costituire un fattore di stress che andasse ad avallare il problema depressione post-partum, oggi è stato dimostrato che allattare al seno protegge dal rischio del baby blues  e dai  sintomi depressivi dopo il parto.

Stampa/PDF
L'ALLATTAMENTO RIDUCE LA DEPRESSIONE POST-PARTUM