L'avaro

Stampa/PDF

Amaro e irresistibilmente comico, un'opera di bruciante modernità. L'avaro molieriano riesce a essere un classico immortale e nello stesso tempo a raccontarci il presente senza bisogno di trasposizioni o forzate interpretazioni.

Dopo il successo de Il Malato Immaginario, il regista Ugo Chiti sceglie ancora Molière e nella parte del protagonista Arpagone, la grande cifra attoriale di Alessandro Benvenuti.

Chiti innesta le vicende dei grandi classici nel linguaggio, forte, crudo, e a volte comicissimo che gli è proprio e che diventa tutt'uno con le sue regie, scavando al fondo delle psicologie dei personaggi.

L'adattamento, diretto da Ugo Chiti, andrà in scena al "Teatro del Fiume" presso il comune di Boretto (RE).

Il nostro Avaro occhieggia a Balzac senza dimenticare la commedia dell’arte intrecciando ulteriormente le trame amorose in un’affettuosa allusione a Marivaux. Contaminazioni a parte, Arpagone resta personaggio centrale assoluto mantenendo quelle caratteristiche che da sempre hanno determinato la sua fortuna teatrale, si accentuano alcune implicazioni psicologiche, si allungano ombre paranoiche, emergono paure e considerazioni che sono più rimandi al contemporaneo. La ‘parola’ è usata in maniera diretta, spogliata di ogni parvenza aggraziata, vista in funzione di una ritmica tesa ad evidenziare l’aggressività come la ‘ferocia’ più sotterranea della vicenda”. dichiara Ugo Chiti.

Stampa/PDF
L'avaro