"L'elogio della parola" vince il Premio Asimov 2019

Stampa/PDF

Il Premio Asimov 2019 va a Lamberto Maffei con il suo libro 'L’elogio della parola' edito da Il mulino. Il Premio, giunto alla quarta edizione, è uno dei pochi concorsi riservati in Italia alla saggistica scientifica e la cui giuria è composta da ragazzi delle scuole superiori. La premiazione ufficiale avverrà al Salone del libro di Torino, giovedì 9 maggio. L’opera vincitrice è un libro che racconta la scienza attraverso un inno al maggior vantaggio evolutivo della nostra specie: la parola. Un accorato invito a riconoscerne il valore, a praticarla, ad amarla.

Premio Asimov: l'incontro tra scienza e scuola
Il Premio Asimov è stato istituito nel 2015 dall’Istituto nazionale di fisica nucleare (Infn) e Gran Sasso Science Institute (Gssi): è una competizione che vede come protagonisti non solo gli autori delle opere in concorso ma anche gli studenti degli Istituti Superiori che decretano il vincitore con le loro recensioni, a loro volta valutate e premiate.

Oltre a votare il miglior libro tra quelli preselezionati dal comitato scientifico tra i pubblicati degli ultimi due anni, i ragazzi partecipano attivamente scrivendo una o più recensioni sui libri del premio, che vengono invece votate dal comitato scientifico: vincono due ragazzi per libro per ogni regione partecipante.

L'autore de 'L'elogio della parola' è stato direttore dell’Istituto neuroscienze del Cnr e presidente dell’Accademia Lincei, di cui adesso è vicepresidente. Nel suo libro il neuroscienziato ci ricorda che quella dell’Homo Sapiens è l’unica specie capace di produrre una "stringa di parole che la ragione infila nella collana della storia". La parola spiega il mondo e cerca di interpretarlo, costruisce la vita e rivela l’universo cangiante che in esso è implicitamente contenuto.

Oggi, il progresso tecnologico e l’era digitale hanno portato a una 'fuga' dalla parola e dalla conversazione: nel volume Lamberto Maffei ci accompagna in un viaggio al centro della nostra umanità, tra opportunità e rischi di un mondo completamente nuovo e trasformato da smartphone, social network, internet e nuovi media digitali.

Stampa/PDF
"L'elogio della parola" vince il Premio Asimov 2019