Teatro Sannazaro - Il teatro di Napoli

L'immortale di Marco D'Amore: anatomia di un capolavoro

Stampa/PDF

Presentato questa mattina, presso il Cinema Metropolitan di Napoli, in anteprima nazionale, L'immortale di Marco D'Amore, lo spin off della serie Gomorra, diretto, sceneggiato e interpretato dall'attore casertano. La proiezione del film è stata seguita dalla conferenza stampa presso l'hotel Vesuvio, sul lungomare di Napoli. La pellicola, che esce questa sera distribuito in 446 copie in tutta Italia prodotto da Cattleya e Vision Distribution, si preannuncia già campione di incassi.

Chi è l'immortale?
Ciro l'immortale è un bambino con un destino segnato fin dalla nascita, nato il 2 novembre, giorno in cui si ricordano i defunti, unico sopravvissuto al crollo di una palazzina in seguito al terremoto dell'Irpinia del 1980, un'infanzia trascorsa in orfanotrofio che lo inizia al crimine. Il carattere sveglio e la grande forza d'animo aiuteranno questo piccolo ometto nella scalata al potere, al fianco di Gennaro Savastano. Chi, con questa storia, vuole vedere una città come Napoli incatenata al suo destino di violenza, dovrà fare i conti con una realtà che ha tratti ben più universali.


il cast del film l'immortale di marco d'amore


L'immortale: anatomia di un capolavoro
L'immortale di Marco D'Amore è un pugno nello stomaco, un vuoto che si riempie di poesia. La regia attenta, il montaggio perfetto, la fotografia dalla "luce strana", tutto contribuisce a renderlo un capolavoro.

L'inizio mette i brividi, soprattutto a quella generazione che ha vissuto il terremoto del 1980. Una data che ci ricorda che c'è stato un prima e un dopo, come un prima e un dopo ci sono dopo ogni scelta che facciamo nella vita. La storia di Ciro l'immortale prosegue su una sorta di doppio binario, in un continuo rimando a flashback posti nei momenti giusti a dimostrare una certa circolarità della vita.

i piccoli attori del film l'immortale di marco d'amore

La tecnica cinematografica, come non si vedeva da tempo, riesce a esaltare i momenti di solitudine del protagonista così come le sequenze più animate.

Il ritmo è pacato ma non lento, per ricordare che ogni mossa è pensata, studiata; tiene lo spettatore apparentemente tranquillo fino al colpo di scena, che strazia e inquieta.

I dialoghi sono essenziali: domande scarne, senza fronzoli e senza preamboli sono seguite da risposte secche nelle quali l'unica concessione sono le frasi "massime". Poi ci sono i silenzi, in certi momenti lunghissimi, che paradossalmente parlano molto di più. Sopra tutto la fredda tristezza del protagonista.

L'immortale: un'operazione coraggiosa
Come sottolineato da Marco D'Amore in conferenza stampa, Napoli si è dimostrata ancora una volta una fucina di talenti. A partire dal piccolo Giuseppe Aiello, per continuare con Salvatore D'Onofrio, Giovanni Vastarella, Marianna Robustelli, Martina Attanasio, Nello Mascia. Ospite d'eccezione Aleksei Guskov.

L'immortale di Marco D'Amore si è rivelato, oltre che un film ben riuscito, un'operazione coraggiosa che getta un ponte tra cinema e televisione. Come giustamente sottolineato, non è né un sequel né un prequel, è un tassello di un mosaico che se da un lato va ad arricchire una serie come Gomorra, dall'altro metterà in trepidante attesa quanti l'hanno amata e desiderano continuare a seguirla in una nuova stagione.





Stampa/PDF
L'immortale di Marco D'Amore: anatomia di un capolavoro