L'Italia e la ricerca europea

Stampa/PDF

Si è tenuto presso il Parlamento Europeo a Bruxelles, l’incontro “L’Italia e la ricerca europea - Gli europarlamentari italiani a confronto sul prossimo Programma Quadro di R&I”. L’incontro è stato organizzato dall’APRE, l’Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea, in collaborazione con gli eurodeputati italiani della Commissione ITRE e la Rappresentanza Italiana presso l’Unione Europea

Il dialogo è stato l’occasione per agevolare uno scambio di vedute - da una prospettiva italiana - sul futuro della ricerca e dell’innovazione europee e sui contenuti del Programma Quadro di R&I post-2020 (FP9), in vista della proposta formale che la Commissione Europea presenterà a giugno - subito dopo la proposta sul Quadro Finanziario Pluriennale, il bilancio di lungo termine dell’UE 2021-2027 - e del processo legislativo che ne seguirà.

L'incontro ha avuto altresì come spunto di riflessione il documento di posizione sul prossimo programma quadro che APRE ha pubblicato a febbraio (disponibile sul sito obiettivo.fp9.it), e che riflette il punto di vista della grande maggioranza deglistakeholders italiani attivi nella ricerca e nell’innovazione.

All'evento hanno preso parte Alessandro Damiani, Presidente dell’APRE, Fabio Donato, consigliere R&I della Rappresentanza Italia presso l’UE, e gli europarlamentari Patrizia Toia, Massimiliano Salini, Angelo Ciocca e Dario Tamburrano. 

L’incontro ha messo in luce una convergenza significativa tra gli attori politici e istituzionali presenti, sui temi e sulle priorità del Programma Quadro di R&I post-2020, che si possono riassumere come segue: 

- aumentare sostanzialmente la dotazione finanziaria, affinché l’Europa sia all’altezza delle sfide globali del prossimo decennio; 

- assicurare un rinnovato ruolo centrale della ricerca industriale - che comprenda sia l’innovazione radicale che quella incrementale - e preservare strumenti di finanziamento specifici riservati alle PMI innovative; 

- delineare le 'missioni' di ricerca e innovazione nell’atto legislativo e definirle attraverso un processo inclusivo e plurale; 

- ridefinire il programma Spreading Excellence and Widening Participation su base regionale.

Stampa/PDF
L'Italia e la ricerca europea