L'UE e le priorità per le coppie internazionali

Stampa/PDF

18 Stati membri hanno raggiunto un orientamento generale su due regolamenti volti a determinare le norme applicabili ai regimi patrimoniali per le coppie sposate o partner registrati in situazioni transfrontaliere (ad esempio coppie di diversa nazionalità UE e / o che hanno proprietà in un un altro stato membro dell'UE).

Le norme hanno lo scopo di determinare quale foro competente e quale legge sarà applicabile in materia di regimi patrimoniali tra coniugi e tra effetti patrimoniali delle unioni registrate. Essi potranno anche facilitare il riconoscimento e l'esecuzione delle decisioni in materia di situazioni transfrontaliere. Essi stabiliranno regole chiare sulla legge applicabile in caso di divorzio o di morte, portando una maggiore certezza del diritto e ponendo fine ai procedimenti eventualmente contrastanti fra loro in vari stati membri.

I diciotto Stati membri che partecipano alla cooperazione rafforzata sono Belgio, Bulgaria, Cipro, Repubblica Ceca, Germania, Grecia, Spagna, Francia, Croazia, Italia, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Austria, Portogallo, Slovenia, Finlandia e Svezia. Altri Stati membri sono liberi di aderire in qualsiasi momento dopo la sua adozione. A questo proposito, l'Estonia ha annunciato la sua intenzione di partecipare alla cooperazione dopo la sua adozione.

Il ministro olandese Van der Steur, a nome della Presidenza olandese, ha dichiarato: "La Presidenza olandese è molto lieta che il Consiglio abbia fatto un sacco di progressi, molto rapidamente, per superare la situazione di stallo. I 18 stati membri, la Commissione, il Parlamento europeo e il  Consiglio Europeo hanno lavorato duramente su queste fila durante questo semestre e speriamo che, dopo l'adozione delle proposte, altri stati membri si uniscano alla cooperazione. ".

Stampa/PDF
L'UE e le priorità per le coppie internazionali