L'UE per la sicurezza in mare

Stampa/PDF

Il Consiglio Europeo ha rafforzato la sicurezza delle navi da passeggeri dell'UE adottando tre direttive che rivedono le disposizioni e le norme di sicurezza per le navi da passeggeri, digitalizzano la registrazione dei passeggeri delle navi e istituiscono un quadro chiaro per le ispezioni dei traghetti ro-ro e delle unità veloci da passeggeri. A giugno di quest'anno era stato raggiunto un accordo informale con il Parlamento europeo su queste tre proposte.

"Le nuove norme miglioreranno la sicurezza delle persone che viaggiano nei nostri mari. Semplificheranno e velocizzeranno, inoltre, le procedure per le compagnie di navigazione, anche tramite la digitalizzazione - una buona notizia per le imprese e per la nostra economia nel suo insieme", ha affermato Kadri Simson, ministro estone dell'economia e delle infrastrutture. "Desidero ringraziare la presidenza maltese e il Parlamento europeo per tutto il lavoro effettuato su questi fascicoli."

La direttiva "generale" relativa alle disposizioni e norme di sicurezza per le navi da passeggeri contiene la normativa più ampia in materia di sicurezza delle navi da passeggeri nell'UE, applicabile alle unità che servono rotte nazionali. Il testo stabilisce requisiti tecnici dettagliati per le navi per quanto concerne settori quali la costruzione, la stabilità e la protezione contro gli incendi.

La direttiva relativa alla registrazione delle persone a bordo delle navi da passeggeri impone alle compagnie di navigazione di digitalizzare la registrazione dei passeggeri delle navi, affinché in caso di incidenti i servizi di ricerca e salvataggio abbiano immediatamente a loro disposizione il numero esatto di passeggeri e altre informazioni.

La terza direttiva, un regime di ispezione riveduto per i traghetti ro-ro e le unità veloci da passeggeri, elimina le sovrapposizioni e colma le lacune normative derivanti dall'applicazione, da parte degli Stati membri, di diversi regimi di ispezione per tali navi.

Le tre direttive si iscrivono in un riesame globale della sicurezza delle navi da passeggeri, che ha l'obiettivo di migliorare la sicurezza dei viaggi via mare semplificando nel contempo le norme attuali e riducendo i costi amministrativi.

La votazione finale di oggi in sede di Consiglio conclude la procedura in prima lettura per tutti e tre i fascicoli. Il Parlamento europeo ha votato il 4 ottobre 2017. Gli atti giuridici saranno firmati da entrambe le istituzioni a novembre e saranno pubblicati nella Gazzetta ufficiale dell'UE alcune settimane più tardi. Entreranno in vigore 20 giorni dopo la pubblicazione e gli Stati membri avranno due anni per recepire le nuove norme nella legislazione nazionale.

Stampa/PDF
L'UE per la sicurezza in mare