Teatro Sannazaro - Il teatro di Napoli

L'Unione europea al vertice del G20 a Antalya

Stampa/PDF

Il vertice di Antalya è la 10 ° edizione della riunione dei leader del G20. Insieme, i membri del G20 che rappresentano circa il 90% del PIL mondiale, l'80% del commercio mondiale e due terzi della popolazione mondiale. Quest'anno, la Turchia detiene la presidenza di turno del G20.

Il processo di leader 'del G20 è stato co-avviato nel 2008 da parte dell'Unione europea in risposta alla crisi finanziaria globale. I membri del G20 sono Argentina, Australia, Brasile, Canada, Cina, Francia, Germania, Italia, India, Indonesia, Giappone, Messico, Repubblica di Corea, Russia, Arabia Saudita, Sud Africa, Turchia, il Regno Unito, gli Stati Uniti e l'Unione europea.

Ecco l'agenda dei sei temi chiave dovrebbero essere discussi:

Rsposta collettiva alla crisi dei rifugiati
Il G20 deve essere all'altezza della sfida e portare una risposta coordinata e innovativa alla crisi che riconosce la sua natura globale e le conseguenze economiche e promuovere una maggiore solidarietà internazionale nella protezione dei rifugiati.

Posti di lavoro, crescita e investimenti
Il risultato principale di Antalya dovrebbe essere la strategie di crescita del G20 e i corrispondenti piani per l'occupazione. L'UE sostiene l'ambizione di crescita del 2% concordato a Brisbane lo scorso anno. Il G20 dovrebbe prendere le decisioni collettive che sono necessari per prevenire un'altra crisi come quella da cui stiamo uscendo.

L'occupazione giovanile e l'inclusione sociale
L’occupazione giovanile resta una priorità per l'Unione europea che sosterrà l’obiettivo di ridurre del 15% entro il 2025 la quota di giovani che sono più a rischio di essere lasciati definitivamente indietro nel mercato del lavoro.

Trasparenza fiscale
Ci dovrebbe essere un accordo ambizioso per intraprendere ulteriori azioni globali necessarie per affrontare in maniera transfrontaliera l’elusione fiscale e l'evasione fiscale (BEPS). Il G20 dovrebbe, in particolare, mostra leadership politica sulla questione della concorrenza fiscale dannosa e lo scambio di informazioni sulle decisioni fiscali transfrontalieri per aumentare la trasparenza, al di là degli accordi raggiunti il 6 ottobre.

Slancio politico per l'apertura del commercio
Il G20 deve istruire i negoziatori per trovare una soluzione in occasione della Conferenza ministeriale dell'OMC a Nairobi su una serie significativa di problemi a beneficio dei paesi meno avanzati, nonché il proseguimento dei lavori, dopo Nairobi attraverso nuovi approcci su tali questioni che rimangono eccezionali. Il G20 dovrebbe anche spiegare meglio i vantaggi del commercio per i cittadini.

Cambiamento climatico
Questo è un anno fondamentale per un'azione internazionale per lo sviluppo e il cambiamento climatico. L'UE esorterà il G20 di lavorare insieme a stretto contatto con i partner per l'attuazione dell’agenda delle Nazioni Unite 2030 per lo sviluppo sostenibile e mantenere i suoi sforzi verso la sicurezza alimentare globale. Il G20 dovrà mostrare particolare determinazione per concludere, in occasione della Conferenza sui cambiamenti climatici delle Nazioni Unite a Parigi, un accordo robusto, ambizioso e inclusivo per governare l’azione per il clima collettiva dopo il 2020. Per mettere gli incentivi giusti in atto per soddisfare l'obiettivo di limitare il riscaldamento globale sotto i 2 gradi Celsius, oltre che spingere per una graduale eliminazione dei sussidi ai combustibili fossili. Infine, l'UE dovrà cercare una più stretta cooperazione in seno al G20 sulle energie rinnovabili e l'efficienza energetica.

Stampa/PDF
L'Unione europea al vertice del G20 a Antalya