Teatro Sannazaro - Il teatro di Napoli

La musica di Pino Daniele: cosa resta dopo 5 anni

Stampa/PDF

Sono passati cinque anni dalla morte di Pino Daniele e il vuoto per la sua perdita è ben lontano dal riempirsi. I concerti tributo dei colleghi e i flash mob organizzati dai fan assolvono a quella necessità di cantare e ricordare le sue canzoni, di dimostrare che in fondo Pino Daniele per Napoli, e non solo, non è mai morto. La musica di Pino Daniele, così fortemente napoletana, ha saputo sperimentare e accogliere sonorità diverse riuscendo a varcare i confini regionali e nazionali.

la musica di pino daniele è più viva che mai

Pino Daniele da scugnizzo napoletano ad artista internazionale
Nato nel quartiere Porto di Napoli, Pino Daniele forma il suo primo gruppo musicale, i Batracomiomachia, con alcuni musicisti tra i quali Rino Zurzolo ed Enzo Avitabile e, dopo un breve periodo di attività come session man, entra nel gruppo 'Napoli Centrale' nel quale suona anche James Senese. Da allora la sua carriera musicale decolla ed escono gli album Terra mia, Pino Daniele, Nero a metà, Vai mo'. Per tutti gli anni Ottanta e Novanta fino agli anni Duemila, la musica di Pino Daniele trionfa nel mercato, vince premi, si fregia di importanti collaborazioni con cantanti e musicisti internazionali. I problemi di salute impongono momenti di fermo, concerti più strumentali, ma non fermano il successo di canzoni come A me me piace 'o blues, Je so' pazzo, 'O scarrafone, Gente distratta, Anna verrà, Se mi vuoi. Indimenticabile il concerto del 19 settebre 1981 in piazza del Plebiscito a Napoli in cui Pino Daniele è accompagnato da Joe Amoruso, Tullio De Piscopo, James Senese, Tony Esposito, Rino Zurzolo, musicisti di grande spessore che poi intraprenderanno carriere da solisti.

la musica di pino daniele e l'amicizia con massimo troisi

Pino Daniele e Napoli
Il tratto distintivo della musica di Pino Daniele agli inizi è una forte connotazione partenopea. La sua città è presente nelle sonorità come nel linguaggio. Il dialetto napoletano, spesso sapientemente miscelato all'inglese, lascia poi gradualmente spazio all'italiano. I ritmi folk della tradizione napoletana invece si mescolano al soul, al pop e a una musicalità più mediterranea. Pino Daniele è un'icona indiscussa di Napoli, neanche la sua vita privata un po' burrascosa è riuscita a metterlo in ombra agli occhi dei fan; al tempo stesso è anche un artista che ha saputo abbattere gli stereotipi sulla sua città portandola alla ribalta della musica internazionale.

La musica di Pino Daniele che abbiamo più nel cuore
A cinque anni dalla sua morte, cosa resta della musica di Pino Daniele? Napul'è diventata ormai l'inno della città, Quando che ricorda il sodalizio artistico, nonché la grande amicizia, tra Pino e Massimo Troisi, Je so' pazzo e Na tazzulella e cafè, autentici pezzi di protesta, Yes I know my way che dà la giusta carica alla giornata, 'O scarrafone canzone ispiratrice nelle recenti proteste contro certa politica, Quanno chiove e Je sto vicino a te che riconciliano col mondo, Chi tene 'o mare, Nun me scoccia', Gesù Gesù, Voglio di più, A testa in giù, Gente distratta, Bella 'mbriana...

Stampa/PDF
La musica di Pino Daniele: cosa resta dopo 5 anni