La nuova direttiva europea sulla tutela dei consumatori

Stampa/PDF

L'UE sta modernizzando e rafforzando le sue leggi sulla protezione dei consumatoriGli ambasciatori degli Stati membri riuniti in seno al Comitato dei Rappresentanti permanenti del Consiglio hanno approvato oggi un accordo raggiunto tra la presidenza rumena e il Parlamento europeo su un progetto di direttiva che modifica quattro direttive UE esistenti che tutelano gli interessi dei consumatori.

La direttiva copre una vasta gamma di argomenti. Modifica la direttiva sulle pratiche commerciali sleali 2005/29 / CE, la direttiva sui diritti dei consumatori 2011/83 / UE, la direttiva 93/13 / CEE sulle clausole contrattuali abusive e la direttiva 98/6 / CE sull'indicazione dei prezzi. Insieme a una proposta sulle azioni rappresentative per la tutela degli interessi collettivi dei consumatori, fa parte del "New Deal for Consumers" lanciato dalla Commissione nel 2017.

Cosa prevederà il nuovo testo sulla tutela dei consumatori?

  • maggiore armonizzazione e snellimento di alcuni dei criteri da utilizzare per determinare il livello delle sanzioni per le violazioni del diritto dei consumatori dell'UE;
  • il diritto a rimedi individuali per i consumatori quando sono danneggiati da pratiche commerciali sleali, come un marketing aggressivo, e a condizione che tali rimedi siano proporzionati, efficaci e non pregiudichino l'applicazione di altri rimedi disponibili per i consumatori ai sensi della legislazione UE o nazionale;
  • maggiore trasparenza nelle transazioni online, in particolare per quanto riguarda l'uso di recensioni online, prezzi personalizzati basati su algoritmi o una più alta classificazione di prodotti dovuta a "collocamenti a pagamento";
  • l'obbligo per i marketplace online di informare i consumatori se il commerciante responsabile di una transazione è il venditore e / o il mercato online stesso;
  • la protezione dei consumatori in relazione ai servizi digitali "liberi", ovvero i servizi digitali per i quali i consumatori non pagano denaro ma forniscono dati personali, quali: archiviazione su cloud, social media e account di posta elettronica;
  • informazioni chiare per i consumatori in caso di riduzione del prezzo;
  • l'eliminazione di oneri sproporzionati, come l'obbligo di utilizzare mezzi di comunicazione obsoleti, imposti alle imprese dalla legislazione vigente;
  • chiarimenti sulla libertà degli Stati membri di adottare norme per tutelare gli interessi legittimi dei consumatori in relazione ad alcune pratiche di commercializzazione o vendita particolarmente aggressive o ingannevoli nel contesto delle vendite fuori sede;
  • chiarimenti sul modo in cui la commercializzazione ingannevole di prodotti di "doppia qualità" dovrebbe essere trattata dagli Stati membri.

Seguendo il normale controllo giuridico / linguistico, il testo sarà adottato dal Parlamento europeo e dal Consiglio. Gli Stati membri avranno 24 mesi dall'entrata in vigore della direttiva per recepirla nel diritto nazionale.

Stampa/PDF
La nuova direttiva europea sulla tutela dei consumatori