La prima "Giornata nazionale dei Beni Comuni"

Stampa/PDF
Il 13 e 14 maggio 2017 Italia Nostra lancia la prima "Giornata nazionale dei Beni Comuni" con iniziative in tutto il Paese che coinvolgeranno direttamente i cittadini per sensibilizzarli sull'importanza di tutelare il nostro patrimonio culturale e paesaggistico.

Monumenti, palazzi, chiese, musei, cimiteri, grotte, aree archeologiche, borghi, ma anche parchi, aree verdi, orti sociali, aree umide, aree marine protette, interi paesaggi 
segnalati dalla capillare rete di sezioni locali dell'Associazione perché in degrado, abbandono o pericolo, saranno al centro di azioni di tutela, pulizia, recupero e valorizzazione in cui la popolazione locale sarà coinvolta in prima persona. Obiettivo di questa nuova iniziativa di Italia Nostra è la sensibilizzazione dell'opinione pubblica e degli organi di informazione sul ruolo strategico che i beni comuni ricoprono per la crescita sociale, culturale ed economica del nostro Paese.

Dopo il tragico terremoto del Centro Italia, che ha colpito duramente anche monumenti storici e identitari, è emersa in modo evidente il dolore per la loro perdita, il valore affettivo e il legame che le popolazioni hanno nei confronti di questi beni considerati, ingiustamente, patrimonio culturale minore. 

Così, dopo il successo della Lista Rossa, che continua a raccogliere e aggiornare l'elenco dei beni in pericolo in tutto il Paese, l'Associazione ha deciso di lanciare una nuova iniziativa per attirare l'attenzione di cittadini, istituzioni e amministrazioni sull'importanza del nostro individuando nel loro territorio un "bene comune" inteso come patrimonio "condiviso della Nazione" e metterlo al centro di iniziative di sensibilizzazione e valorizzazione.
Stampa/PDF
La prima "Giornata nazionale dei Beni Comuni"