LAVORO, 2 GIOVANI SU 3 SOGNANO UN'ESTATE IN CAMPAGNA

Stampa/PDF

Per gli studenti lavorare nei campi significa, oltre che prendere contatto con il mondo del lavoro, anche fare - sottolinea la Coldiretti - una esperienza diretta in simbiosi con la natura, i suoi prodotti e una cultura che ha fatto dell'Italia un Paese da primato a livello internazionale nell'offerta di alimenti e vini di qualità.

Dal primo giugno di ogni anno i giovani lavoratori dai 16 ai 25 anni di età regolarmente iscritti ad un ciclo di studi – continua la Coldiretti - possono essere remunerati con i voucher, i buoni lavoro che comprendono già la copertura assicurativa e previdenziale e non sono soggetti a ritenute fiscali. I voucher rappresentano uno strumento che offre interessanti opportunità di reddito e occupazione a categorie particolarmente deboli e risponde coerentemente alle richieste di semplificazione del lavoro nei campi che può così meglio esprimere le proprie potenzialità in un momento di crisi, senza con ciò destrutturare il mercato del lavoro agricolo.

Per favorire l'incontro tra domanda e offerta di lavoro la Coldiretti ha varato la prima banca dati autorizzata dal Ministero del Lavoro "Jobincountry" di aziende agricole che assumono alla quale potranno accedere tanti i giovani italiani che sono interessati perché amano la campagna o semplicemente per raggranellare un po' di soldi, magari nella pausa scolastica. Nel corso dell'estate 2014 - conclude la Coldiretti - sono stati oltre 150mila i giovani di età inferiore ai 35 anni che hanno trovato lavoro in agricoltura.

Stampa/PDF
LAVORO, 2 GIOVANI SU 3 SOGNANO UN'ESTATE IN CAMPAGNA