• Magazine
  • Società
  • Le associazioni lanciano una petizione per salvare gli uccellini

Le associazioni lanciano una petizione per salvare gli uccellini

Stampa/PDF

Tra pochi giorni il Consiglio regionale della Lombardia voterà due proposte di legge che concedono ai cacciatori, in deroga alla legge, di catturare uccelli selvatici a fini di richiamo vivo e abbattere piccoli uccelli selvatici protetti non cacciabili.

È stata scelta la strada “disonesta” della legge regionale per impedire l'immediato ricorso amministrativo da parte delle associazioni ambientaliste, per far passare due gravissime violazioni della legge nazionale e della direttiva Uccelli, per le quali l'Italia e la stessa Lombardia hanno già subito inchieste, procedure di infrazione e condanne da parte della Corte di Giustizia europea.

Da molti anni queste deroghe sono state eliminate di fatto dall’ordinamento nazionale. Oggi la Lombardia cerca di reintrodurle, sfidando le leggi e la decenza sapendo che, in caso di approvazione, i tempi di intervento dello Stato e della Commissione europea saranno lunghi. E intanto, un gran numero di fringuelli e peppole saranno abbattuti e molti merli, tordi e cesene catturati e destinati alle pessime condizioni dei richiami vivi: gabbiette minuscole, buio, condizioni igieniche critiche.

Salvare gli uccellini: come sostenere la petizione
LAC, LAV, WWF, LIPU, ENPA hanno lanciato una petizione, che chiede a tutti i consiglieri regionali di bocciare in consiglio i due progetti di legge nel nome della decenza e della legalità, evitando così anche l'arrivo di milionarie sanzioni europee che colpirebbero tutti i cittadini, non solo quelli che imbracciano la doppietta.

Stampa/PDF
Le associazioni lanciano una petizione per salvare gli uccellini