Le nuove frontiere del turismo

Stampa/PDF

Esplorare nuove forme di accoglienza turistica virtuose e sostenibili: è l’obiettivo del seminario formativo “Le nuove frontiere del turismo. Tra qualità, accessibilità e sostenibilità”, in programma alla Locanda del Mare, in via Linora (zona Licinella Torre di Paestum), a Paestum.

L’evento, a partecipazione gratuita, è rivolto agli operatori del settore turistico balneare, ristorativo e dell’ospitalità, ed è promosso da Legambiente Turismo Vivilitalia, in collaborazione con il Museo Vivente della Dieta Mediterranea, il Museo Vivo del Mare di Pioppi, Legambiente Paestum, in partnership con il Dum Dum Republic, La Locanda del Mare e il Lido Girasole, con il sostegno dei fornitori di servizi al turismo Planet Food and Beverage e Paesum Service.

LA FINALITÁ. La sfida che parte da Paestum è quella di proporre agli operatori turistici un modello di ospitalità che esalti le potenzialità del territorio, nel rispetto della natura e delle esigenze di tutte le tipologie di turisti, sperimentando pratiche tese a incontrare un nuovo target di clienti e a migliorare la qualità e l’attrattività del sistema turistico paestano.

LA PARNERSHIP. Una sinergia con Legambiente, e con le associazioni a salvaguardia dell’ambiente in generale, che si intensifica con il percorso virtuoso intrapreso negli ultimi cinque anni dal Dum Dum Republic, culminato nella campagna ecosostenibile #ZeroCannucce #PlasticFree, intrapresa per la nuova stagione estiva (a cui ha aderito anche il Lido Girasole), tesa all’abbattimento dei rifiuti e alla riduzione drastica della plastica in difesa del mare e delle spiagge, aderendo ai grandi movimenti mondiali come #DrasticOnPlastic. Un percorso virtuoso, insignito di recente del “Premio Fabbrica delle Idee 2018 – Storie vincenti made in Campania” per la sfida ad alto contenuto innovativo teso ad un’economia ecosostenibile.

La campagna #ZeroCannucce #PlasticFree nasce dall’esigenza prospettata negli ultimi anni di tutela del territorio, alla base di questo corso di formazione dedicato agli operatori del turismo – sottolinea Biancaluna Bifulco, titolare de La Locanda del Mare, struttura che ospita il workshop formativo -  Proprio perché il turismo è un settore che si basa sulle bellezze ambientali, per cui è dovere di chi opera nel settore tutelare questa bellezza, valorizzarla e soprattutto ridurre il notevole impatto sull’ambiente, danneggiando nel tempo l’ecosistema. Per far fronte a questo problema c’è bisogno di esperti. Non sempre gli operatori sono in grado da soli di poter attuare processi positivi nelle loro attività. Di questa esigenza ci siamo fatto carico con il Consorzio degli operatori balneari e insieme abbiamo deciso di sostenere questo seminario, promosso da Legambiente Turismo e Vivitalia”.

Stampa/PDF
Le nuove frontiere del turismo