Le nuove sanzioni dell'Unione Europea contro gli attacchi informatici

Stampa/PDF

Il Consiglio Europeo ha istituito un quadro che consente all'UE di imporre misure restrittive mirate volte a scoraggiare e contrastare gli attacchi informatici che costituiscono una minaccia esterna per l'UE o i suoi Stati membri, compresi gli attacchi informatici nei confronti di Stati terzi o organizzazioni internazionali qualora le misure restrittive siano ritenute necessarie per conseguire gli obiettivi della politica estera e di sicurezza comune (PESC).

Gli attacchi informatici contemplati dalle nuove sanzioni
Gli attacchi informatici che rientrano nell'ambito di applicazione di questo nuovo regime di sanzioni sono quelli che hanno effetti significativi e che:

  • provengono o sono sferrati dall'esterno dell'UE o
  • impiegano infrastrutture esterne all'UE o
  • sono compiuti da persone o entità stabilite o operanti al di fuori dell'UE o
  • sono commessi con il sostegno di persone o entità operanti al di fuori dell'UE.

Il regime di sanzioni copre anche i tentati attacchi informatici con effetti potenzialmente significativi.

Più specificamente, per la prima volta tale quadro consente all'UE di imporre sanzioni a persone o entità responsabili di attacchi informatici o tentati attacchi informatici, che forniscono sostegno finanziario, tecnico o materiale per tali attacchi o che sono altrimenti coinvolti. Le sanzioni possono anche essere imposte a persone o entità associate ad esse.

Le misure restrittive includono un divieto per le persone che viaggiano verso l'UE e un congelamento dei beni delle persone o entità. È fatto inoltre divieto alle persone ed entità dell'UE di mettere fondi a disposizione di persone ed entità inserite nell'elenco.

Stampa/PDF
Le nuove sanzioni dell'Unione Europea contro gli attacchi informatici