Le parole come trauma

Stampa/PDF

In occasione della rassegna video Silence and Rituals ideata da Beatrice Bulgari e curata da Paola Ugolini nell’ambito di Artapes, il MAXXI presenta LE PAROLE COME TRAUMA una conversazione con il duo artistico MASBEDO (Nicolò Masazza e Iacopo Bedogni).

L’incontro introdotto da Giulia Ferracci curatrice del programma Artapes vede protagonisti insieme agli artisti, la curatrice della rassegna Silence and Rituals Paola Ugolini, e il Direttore del MAXXI Arte Bartolomeo Pietromarchi.

LE PAROLE COME TRAUMA indaga il tema della potenza delle immagini, a partire da quelle realizzate dai due artisti che spesso, grazie al silenzio in cui vengono mostrate, riescono a evocare con forza i sentimenti umani più profondi e ancestrali. Dai ghiacciai islandesi, al pavimento di una sala per le prove di un balletto, ai dettagli fisici di vecchi animali, nelle opere dei MASBEDO spesso è protagonista una Natura crudele, che sembra assistere muta e indifferente alle tragedie dell’Umanità.

MASBEDO - Nicolò Massazza (1973, Milano) e Iacopo Bedogni (1970, Sarzana) - vivono a Milano e lavorano insieme dal 1999. Interessati al tema della incomunicabilità e alla relazione tra produzione dell’immagine e società della comunicazione, hanno sviluppato negli anni un'attenzione agli aspetti pittorici del video e al coinvolgimento dello spettatore negli ambienti che di volta in volta la loro arte plasma.

Esito di tale ricerca è la realizzazione di video-performance in grado di includere lo spettatore all’interno dello spazio video e del gesto creativo. Hanno partecipato a mostre collettive in spazi istituzionali privati e pubblici. Le loro opere sono state acquisite da istituzioni quali: MART Rovereto, Fondazione Merz, GAM Galleria d’Arte Moderna di Torino, Galleria Sabauda, MACRO Museo di Arte Contemporanea di Roma, DA2 Museo di Arte Contemporanea di Salamanca, CAAM Centro Atlantico di Arte Moderna di Las Palmas, Junta de Andalucia, CAIRN Centro di Arte Contemporanea di Digne, Tel Aviv Art Museum.

Stampa/PDF
Le parole come trauma