Le sanzioni alla Siria allungate di un anno

Stampa/PDF
Il Consiglio europeo ha esteso le misure restrittive dell'UE nei confronti del regime siriano fino al 1 giugno 2017. Questa decisione è in linea con le conclusioni del Consiglio del dicembre 2014 che ha affermato che l'UE continuerà imporre e far rispettare le sanzioni da infliggere il regime ei suoi sostenitori finché la repressione continua.

L'Unione europea rimane impegnata a trovare una soluzione duratura al conflitto in Siria. Come indicato nelle conclusioni del Consiglio sulla Siria, l'Iraq e la minaccia Da'esh del 23 maggio 21016, l'UE continuerà a sostenere il gruppo internazionale di sostegno Siria (ISSG) potenziare gli sforzi per l'attuazione della cessazione delle ostilità in Siria. L'UE intensificherà il suo ruolo politico a sostegno di una ripresa credibile di colloqui intra-siriani coordinati da Nazioni Unite inviato speciale de Mistura volte a raggiungere un accordo su una vera transizione politica in Siria Conformemente alla dichiarazione ISSG di Vienna del 17 maggio 2016 . l'UE sosterrà inoltre ulteriormente la consegna di aiuti umanitari a tutti i siriani in difficoltà e zone assediate e difficili da raggiungere.

Le sanzioni attualmente in vigore comprendono, in particolare, un embargo petrolifero, le restrizioni alla certi investimenti, il congelamento dei beni della banca centrale siriana all'interno dell'UE, le restrizioni all'esportazione per attrezzature e tecnologie che potrebbero essere utilizzate per la repressione interna nonché attrezzature e tecnologie per il monitoraggio e l'intercettazione delle comunicazioni via Internet o telefono. Inoltre, più di 200 persone e 70 entità sono presi di mira da un divieto di viaggio e il congelamento dei beni sopra la repressione violenta contro la popolazione civile in Siria.

Stampa/PDF
Le sanzioni alla Siria allungate di un anno