Legge finanziaria 2019: cosa cambierà dal 1° gennaio

Stampa/PDF

Approvata, lo scorso 23 dicembre, la legge finanziaria 2019 che entrerà in vigore il 1° gennaio 2020. La manovra economica proposta dal governo prevede, tra l'altro, agevolazioni per l'assunzione di giovani, l'introduzione della plastic e della sugar tax, il bonus facciate e nuovi fondi per il completamento del MOSE. In questa nuova manovra eocnomica non trovano spazio i fondi per la scuola, particolare che ha portato alle dimissioni il ministro dell'Istruzione Lorenzo Fioramonti.

Cos'è la legge finanziaria?
Conosciuta anche come manovra economica, traccia le linee guida della politica economica del Paese nell'anno seguente. la legge finanziaria e i rincari sui buoni pasto cartaceiÈ una legge ordinaria proposta dal governo sulla politica economica che si attua attraverso misure di finanza pubblica e politica di bilancio. Può contenere innovazioni normative in materia di spesa e stabilisce il tetto massimo dell'indebitamento. Nel testo devono essere specificati, tra l'altro, il disavanzo pubblico tra spese e entrate finali, le cifre da stanziare per l'attuazione delle leggi in vigore, le previsioni di spesa a lungo termine. Nella stesura della manovra finanziaria, si deve tenere conto, inoltre, di quelli che sono conosciuti come i parametri di Maastricht, dei paletti imposti dalla Comunità Europea come, ad esempio, il 3% nel rapporto tra disavanzo pubblico e prodotto interno lordo (PIL), il 60% del rapporto tra debito pubblico e PIL, 1,5% come tetto massimo per l'inflazione. A partire dal 2009, con l'introduzione del federalismo fiscale, è prevista la partecipazione degli enti locali alla stesura.

Le legge finanziaria 2019: cosa prevede
Ecco, in sintesi, i contenuti principali della manovra economica per il prossimo anno distinti per settore.

  • Lavoro: previste agevolazioni per l'assunzione di giovani e confermato il bonus per le giovani eccellenze.

  • Imprese: le aziende si vedranno riconosciuti ulteriori crediti d'imposta a fronte degli investimenti, saranno riconosciuti finanziamenti per la tutela ambientale e agevolazioni per il Sud.

  • Pensioni: il meccanismo per l'indicizzazione delle pensioni sarà rivisto nel 2021.

  • Fisco: in arrivo la sugar e la plastic tax, azzeramento delle imposte per le imprese che adoperano materiali riciclati e per quelli che producono contenitori compostabili. Di contro, imposte più pesanti per le auto aziendali più inquinanti e per i buoni pasto cartacei.

  • Famiglia: aumento dei bonus bebè e per gli asili nido, rimborso delle spese sostenute con carte e bancomat, abolizione delle bollette pazze con riduzione della prescrizione da cinque a due anni.

  • Casa: l'aliquota della cedolare secca sulle locazioni abitative è stata ridotta e sono state prorogate le detrazioni per gli interventi di ristrutturazione edilizia, efficentamento energetico, l'acquisto di grandi elettrodomestici e di mobili. Previsto un bonus facciate. Abolita la TASI con aumento delle aliquote di base IMU.

  • Grandi opere: tra le grandi opere finanziate dalla legge emerge il MOSE per la salvaguardia di Venezia.

la legge finanziaria non ha previsto fondi per la scuola

Manovra finanziaria 2019: la grande assente
Le motivazioni che hanno spinto il ministro Lorenzo Fioramonti alle dimissioni hanno riguardato l'assenza, nella nuova manovra finanziaria, di fondi per la scuola, definita da lui stesso "il motore del Paese". Come suoi successori, il premier Giuseppe Conte ha nominato due ministri, dividendo così il dicastero. Lucia Azzolina, dirigente scolastico, già sottosegretario all'Istruzione, è stata assegnata al comparto scuola, mentre per il comparto università è stato nominato Gaetano Manfredi, ingegnere, dal 2014 rettore dell'Università Federico II di Napoli.

Stampa/PDF
Legge finanziaria 2019: cosa cambierà dal 1° gennaio