Locazioni universitari, i nuovi dati e l'andamento

Stampa/PDF

Canoni di locazione in aumento nelle grandi città nel secondo semestre del 2018: in questo periodo, infatti, si è registrato un +2,3% per i monolocali, +2,0% per i bilocali e +1,6% per i trilocali.

Locazioni Universitari: segnali positivi
Il segnale positivo è attribuibile prevalentemente a una diminuzione dell’offerta e a una migliore qualità della stessa. La distribuzione della motivazione della ricerca della casa in affitto: il 57% cerca la casa principale, il 33,6% lo fa per motivi legati al lavoro e il 9,4% per motivi legati allo studio (la percentuale di chi cerca per motivi di studio è soggetta a stagionalità, con percentuali che aumentano nel secondo semestre dell’anno).

Torino primeggia tra chi cerca per motivi di studio (31,0%), tallonata da Milano (28,4%). Limitando l’analisi al target degli studenti emerge che le tipologie più affittate sono il bilocale (36,1%) ed il trilocale (32,1%), mentre i contratti maggiormente stipulati sono quelli transitori.

Locazioni Universitari: cosa si cerca?  
I ragazzi che cercano casa sono attenti alla distanza dalla facoltà universitaria per abbattere i tempi di spostamento, la presenza dei servizi, la tranquillità della zona oltre che lo stato dell’immobile e dell’arredamento. Spesso l’appartamento è condiviso con amici per poter risparmiare. La notevole domanda di posti letto, l’offerta non sempre adeguata e, in alcune città, anche in diminuzione stanno spingendo diversi investitori verso operazioni di student housing o comunque, in generale, alla creazione di posti letto.

Canoni medi (€ al mese)
CittàMonolocaleBilocaleTrilocale
Milano6008001040
Napoli370550710
Roma580750920
Torino270380490
Fonte: Ufficio Studi Gruppo Tecnocasa

 

Variazione percentuale dei canoni di locazione nel secondo semestre 2018 rispetto al primo semestre 2018
CittàMonolocaliBilocaleTrilocale
Milano4,24,33,5
Napoli0,81,61,9
Roma0,70,30,0
Torino0,81,71,1
Fonte: Ufficio Studi Gruppo Tecnocasa
 
Stampa/PDF
Locazioni universitari, i nuovi dati e l'andamento