MATRIMONIO: VADEMECUM PER IL BUSINESS DEI BUSINESS

Stampa/PDF
Un cerimoniale tradizionale si svolge in due tempi: rito religioso o civile al quale segue la festa vera e propria con amici e parenti.
 
La sposa
Il matrimonio, che vi piaccia o no cari maschietti, è da sempre DONNA, per la gioia di atelier, visagisti, parrucchieri ed estetiste.
 
La spesa media per un abito da sposa si aggira intorno ai 2500/3000 euro, per la sposa che volesse accontentarsi scegliendo un abito semplice e di discreta qualità. Scelto l’abito, la sposa dovrà opzionare pettinatura, trucco e vari accorgimenti di estetica.
 
Il costo di un’acconciatura si aggira intorno ai 400/500 euro (perché sei la sposa), contro i 50 euro previsti normalmente per lo stesso lavoro.
 
Una nostra amica ci ha raccontato che il giorno del suo matrimonio, infuriata per i costi sostenuti, ha deciso di andare dal parrucchiere all’alba e farsi montare una pettinatura di suo gradimento. Fatto ciò, ha saldato il conto, di 45 euro, ha ringraziato e ha aggiunto “ Vado a sposarmi fatemi gli auguri” con ben 455 euro di risparmio nei tasconi.
 
Visagisti e truccatori? Spesa media dai 300 ai 500 euro, accorgimenti per unghie delle mani e cera a parte. La nail art in voga al momento si aggira intorno ai 50 euro, stesso importo pressappoco per cera e pedicure. Spose, avete già speso circa 4.000 euro.
 
Lo sposo sostiene meno spese personali, l’abito varia di costo in base al modello scelto, ma, bisogna aggiungere che se sei lo sposo dovrai pagare almeno 200 euro in più.
 
Intorno al matrimonio gravitano moltissime spese, che esulano da quelle personali, quali quote per addobbi floreali, bomboniere, inviti e il famoso “ servizio fotografico” per poi arrivare a ristoratori e chiese. Ma procediamo con calma, la strada è ancora lunga.
 
Un fioraio di norma addobba casa e chiesa, i prezzi variano in base alle composizioni floreali scelte e si aggirano intorno ai 1.000 euro o poco meno.
 
Le bomboniere sono a scelta degli sposi, e consigliamo, a tal proposito, alcune case fornitrici che in omaggio fanno dono agli sposi degli inviti e, visto che avete speso già molto, a questo punto un po’ di risparmio non guasta.
 
Emozione che resti nel tempo è d’obbligo ed è dunque giusto scegliere un ottimo fotografo; la caratteristica principale che consigliamo? Oltre che economico sceglietelo simpatico, dato che dovrà accompagnare i momenti più salienti della vostra giornata. I prezzi? Dai 2.000 ai 4.000 euro.
 
Il business più importante è però quello legato alla ristorazione. Ci sono moltissimi siti che aiutano gli sposi a riuscire nell’impresa suggerendo molteplici fornitori dagli inviti alla ristorazione, tuttavia, toccare con mano è cosa ben diversa.
 
Che si prediliga pranzo o cena poco importa il menù standard è sempre lo stesso e prevede:
 
cocktail di benvenuto per gli ospiti con varie bevande e stuzzichini in attesa che arrivino gli sposi
buffet con angoli di ogni genere : pesce, pane, sfizi, salumi, formaggi, un vero e proprio pranzo
due primi, in genere uno di pesce e uno di terra per non scontentare nessuno
un secondo a scelta
buffet di frutta e dolci con torta nuziale
 
I più temerari possono anche aggiungere un doppio secondo ma è del tutto sconsigliabile.
I prezzi variano di zona in zona, in Campania, nella provincia di Napoli, la concentrazione di location per matrimoni è a dir poco stratosferica ville, resort, ristoranti se ne trovano in quantità industriali ma, contro ogni legge economica, non c’è concorrenza anche se l’offerta è vasta.
 
Per lo sposo napoletano che voglia rimanere “ in zona” le opportunità sono Pozzuoli, Baia, la Zona Vesuviana e Napoli centro.
 
I prezzi, per lo stesso menù, sono notevolmente diversi. Pozzuoli ha un costo di base di 120,00 euro in su per ogni invitato, Baia parte da 135,00, la zona vesuviana invece da 130,00 euro e Napoli, nettamente in pool position, azzarda prezzi che possono arrivare anche a 200,00 euro ad invitato, con menù riservati ai più piccoli pari alla metà del prezzo previsto per gli adulti.
 
Dati alla mano, questi costi sono al netto di musica, animazione e vari accorgimenti che gli sposi intendono scegliere.
 
L’animazione per 7 bambini si aggira intorno ai 90,00 euro ( 1 animatore per un gruppo di max 7/8 bimbi) i costi per l’intrattenimento musicale possono variare dai 700 ai 1000, quota alla quale bisogna aggiungere la famosa tassa SIAE.
 
La moda del momento impone agli sposi di aggiungere i famosi confettata e angolo cubano. La confettata, un’ esposizione di confetti e caramelle per accompagnare il buffet di dolci, ha un costo medio di euro 300,00 mentre l’angolo cubano, riservato ai più grandi, ha il compito di intrattenere con sigari rhum e cioccolato ( talvolta si inscena la famosa cascata accompagnata da fragole) gli amici più temerari. Rilassati, dopo il dolce, i vostri amici potranno godersi il panorama bevendo rhum e fumando un bel sigaro al modico prezzo di circa 1200 euro, se l’angolo dovesse essere incluso nel costo a persona, questo sarà incrementato di 10,00 € per invitato.
 
Volendo, la tradizione cubana si può mettere, con un po’ di umorismo, all’angolo per risparmiare qualche spicciolo.
 
Passando alla Chiesa, le “offerte” medie si aggirano intorno ai 300 euro. Il costo medio per un matrimonio di circa 100 invitati si aggira, dunque, intorno ai 28.000 euro. Alla luce di tutto ciò, se proprio volete essere così temerari vi diamo qualche consiglio.
 
Cercate innanzitutto di fare tutto in rigoroso incognito, per trattamenti estetici che precedono il giorno del SI abbiate la cura di non divulgare che siete la sposa o lo sposo in modo da saldare il giusto.
Per le bomboniere, meglio scegliere una casa che vi offra in omaggio anche gli inviti e le confezioni, per la ristorazione, ad esempio scegliete, una location dotata di cucina interna che non comporti costi di affitto della struttura. Molte location, infatti, separano i costi per fitto della stessa dai costi per il catering esterno con un netto aggravio fiscale. Se possibile, scegliete per la cerimonia, un luogo dove vi concedano la possibilità di portare animatori o musicisti esterni, spulciando qui e la qualche amico vi consiglierà sempre un conoscente animatore o musicista che vi farà un trattamento di favore e, se così non fosse, avrete comunque la possibilità di scegliere voi il costo da sostenere. Alcuni ristoranti, inoltre, vi permettono di allestire una confettata o l’angolo cubano, che normalmente sono extra, in maniera autonoma, potete comprare il necessario e l’allestimento sarà a loro gentile carico.
 
 
 
Stampa/PDF
MATRIMONIO: VADEMECUM PER IL BUSINESS DEI BUSINESS