Mercato elettrico europeo: le regole per il nuovo anno

Stampa/PDF

La Presidenza del Consiglio e i rappresentanti del Parlamento europeo hanno raggiunto oggi un accordo provvisorio su una direttiva e un regolamento sull'elettricitàI due fascicoli illustrano il futuro funzionamento del mercato dell'elettricità dell'UE e sono pietre miliari del pacchetto energia pulita. L'accordo deve ancora essere approvato dal Consiglio e dal Parlamento europeo.

"Sono molto felice di aver raggiunto un accordo con il Parlamento europeo su questi due file chiave. Ciò significa che - a condizione che gli Stati membri confermino questo risultato - ora abbiamo un accordo politico sull'intero pacchetto di energia pulita. È un passo importante verso il completamento dell'Unione dell'energia e ci pone saldamente sulla strada per fornire il nostro contributo all'accordo di Parigi" ha dichiarato Elisabeth Köstinger, ministro per la sostenibilità e il turismo dell'Austria e presidente del Consiglio Europeo.

Mercato elettrico europeo: la direttiva
L'obiettivo della direttiva sull'elettricità è garantire che il mercato dell'elettricità dell'UE sia competitivo, incentrato sul consumatore, flessibile e non discriminatorio. L'accordo conferisce maggiori diritti ai consumatori proteggendo al contempo i clienti vulnerabili e definisce i ruoli e le responsabilità dei partecipanti al mercato.

Un elemento chiave dell'accordo è la capacità dei fornitori di energia elettrica di fissare i propri prezziCiò limiterà le distorsioni del mercato, determinerà una maggiore concorrenza e determinerà una riduzione dei prezzi al dettaglio. Allo stesso tempo, il Consiglio ha assicurato che i clienti vulnerabili continueranno a essere protetti consentendo agli Stati membri di applicare i prezzi regolamentati ai clienti vulnerabili delle famiglie. 

La direttiva consente inoltre agli Stati membri di applicare interventi pubblici nella fissazione dei prezzi per la fornitura di energia elettrica per altri clienti domestici e microimprese ai fini di un periodo di transizione per stabilire una concorrenza effettiva tra i fornitori e per ottenere prezzi di vendita al dettaglio pienamente efficaci basati sul mercato di di energia elettrica.

In futuro, i clienti potranno partecipare direttamente al mercato come clienti attivi, ad esempio vendendo elettricità autogenerata, partecipando a programmi di risposta alla domanda o aderendo alle comunità energetiche dei cittadini. La direttiva garantisce inoltre che i clienti abbiano accesso a strumenti di confronto dei prezzi, contatori intelligenti e contratti dinamici di prezzo dell'elettricità. Entro il 2026, i clienti saranno in grado di cambiare fornitore di energia elettrica entro 24 ore.

La direttiva sull'elettricità definisce inoltre il quadro normativo per gli operatori dei sistemi di trasmissione e distribuzione.

Mercato elettrico europeo: regolazione dell'elettricità
Il regolamento sull'elettricità rivede le regole e i principi del mercato interno dell'elettricità per garantire che sia ben funzionante, competitivo e non distorto. Mira anche a sostenere la decarbonizzazione del settore energetico dell'UE e rimuovere gli ostacoli agli scambi transfrontalieri di energia elettrica.

Nuove regole sulle responsabilità di negoziazione e di bilanciamento assicurano che la generazione variabile di energia elettrica da fonti rinnovabili di energia possa essere accolta, senza creare disposizioni discriminatorie o distorsioni del mercato.

Il regolamento stabilisce le condizioni alle quali gli Stati membri possono stabilire meccanismi di capacità e i principi per la loro creazione. Questi meccanismi mirano a garantire che la fornitura di energia elettrica sia sufficiente durante i periodi di picco della domanda, remunerando le risorse per la loro disponibilità. Devono essere temporanee e progettate per affrontare un problema di adeguatezza delle risorse identificato.

Viene fissato un limite di emissione di 550 gr di CO2 di origine fossile per kWh di elettricità. Le nuove centrali elettriche che emettono più di questo e che iniziano la produzione commerciale dopo l'entrata in vigore del regolamento non potranno più partecipare ai meccanismi di capacità. 

Le centrali elettriche esistenti che emettono più di 550 gr di CO2 di origine fossile per kWh e 350 kg di CO2 in media all'anno per kW installati non potranno partecipare ai meccanismi di capacità dopo il 1 ° luglio 2025. Le nuove disposizioni aiuteranno l'UE a raggiungere i suoi obiettivi climatici e allo stesso tempo proteggere la sicurezza degli investimenti grazie a una clausola di "grandfathering" per i contratti di capacità conclusi prima del 31 dicembre 2019.

Un altro elemento chiave dell'accordo è la creazione di centri di coordinamento regionali, che supportano il coordinamento regionale degli operatori dei sistemi di trasmissione. Sostituiscono i coordinatori regionali per la sicurezza esistenti, ma hanno compiti aggiuntivi relativi al funzionamento del sistema, al funzionamento del mercato e alla preparazione al rischioIl regolamento crea anche un'entità europea di gestori dei sistemi di distribuzione.

Stampa/PDF
Mercato elettrico europeo: le regole per il nuovo anno