MOROSITA' INCOLPEVOLE

Stampa/PDF
Non è, ormai, raro in tempi di crisi nera come quella odierna che ci siano famiglie che da oggi a domani non possano più far fronte ai bisogni minimi ed indispensabi ed è più che giusto che le amministrazioni e i governo non alimentino la guerra ai poveri bensì alla povertà.

Ai cittadini napoletani che si trovino nella condizione di sopravvenuta impossibilità di provvedere al pagamento del canone di locazione, a seguito di perdita di posto di lavoro per licenziamento, oppure a chi è stato ridotto l’orario di lavoro, a chi si trova in cassa integrazione, a chi per malattia grave o decesso ha dovuto far fronte a spese mediche ed assistenziali, è possibile partecipare al “bando-censimento” per la morosità incolpevole.

Il Comune di Napoli – sostiene l’assessore al Patrimonio Sandro Fucito – è il primo grande comune della Campania a poter ricevere domande per fronteggiare l’emergenza abitativa e per venire incontro alle famiglie in difficoltà a sostenere il fitto privato. Questa azione di monitoraggio è finalizzata alla individuazione dei soggetti che potranno usufruire del sostegno economico e del relativo accompagnamento sociale previsto dalla legge.

Una volta censiti i nuclei interessati chiederemo al Prefetto di Napoli se ricorrono le condizioni per sospendere l’uso della forza pubblica nell’esecuzione dei provvedimenti di sfratto. Almeno fino a quando la Regione Campania ed il competente Ministero mettano nella condizione il Comune di Napoli di poter soddisfare le domande pervenute con risorse dedicate – sostiene Fucito – e richieste da palazzo san Giacomo con opportuna programmazione, vista l’emergenza sociale ed economica di migliaia di famiglie, piegate dalla crisi al punto da non poter nemmeno pagare regolarmente il fitto di casa.

Il modello per la domanda e la dichiarazione delle condizioni economiche del nucleo familiare possono essere prelevati sul sito istituzionale del Comune di Napoli www.comune.napoli.it.

Le domande di partecipazione dovranno essere fatte pervenire entro e non oltre le ore 12:00 del 31/12/2014.
Stampa/PDF
MOROSITA' INCOLPEVOLE