Napoli insolita e segreta

Stampa/PDF

Oggigiorno, purtroppo, sono molti i napoletani che sanno ben poco della loro storia. Con l’avvento della globalizzazione e di internet, la tradizione e le usanze sono passate in secondo piano per lasciare posto alle mode dettate da un mondo cosmopolita. Infatti, è diventato più importante sapere chi è il cantante più rinomato negli Stati Uniti oppure quale star si è sposata e con chi.

Ma fortunatamente, ci sono ancora persone che si occupano di raccontare e diffondere le antiche leggende napoletane e avvicinare la nuova generazione a luoghi che, altrimenti, resterebbero nascosti e sconosciuti. Nello splendido libro Napoli insolita e segreta, il giornalista Valerio Ceva Grimaldi, coadiuvato da Maria Franchini e dalle fotografie di Fernando Pisacane, riesce a creare una specie di guida turistica completamente diversa dalle altre. Sono riscoperte tante zone di Napoli, ad esempio la Chiesa di Santa Maria del Parto, di cui si parla in merito al dipinto raffigurante san Michele che uccide un mostro, in verità nasconderebbe un amore non corrisposto tra il cardinale Diomede Carafa e Vittoria d’Avalos che lo respinse in più occasioni. Ancora svela la verità sull’Arco di trionfo all’ingresso di Castel Nuovo, in cui è rappresentata una donna sola che sarebbe Lucrezia d’Alagno, il vero amore del re aragonese Alfonso I.

Ci viene raccontato anche il reale significato della fontana della “sirena salvatrice” nella Chiesa di Santa Caterina della Spina Corona, in cui dal seno della sirena Partenope zampillerebbe acqua con l’incredibile potere di spegnere il fuoco del Vesuvio. Oppure, vicino a piazza Vittoria, nel museo dell’Università Orientale è conservata una stele funeraria egiziana che risale addirittura all’anno 819. Infine, per quelli che amano le avventure, è possibile visitare un tunnel sotterraneo che passa al di sotto di Piazza Plebiscito, costruito per un’antica linea metropolitana e mai utilizzato, e che si può attraversare solo con una zattera.

Grazie all’editore internazionale Jonglez, che si è occupato anche di altri libri simili riguardanti altri paesi tra cui Barcellona e New York, nel 2014 è stata pubblicata per la prima volta Napoli insolita e segreta e oggi, dopo il grande successo riscosso, è possibile acquistarla in svariate lingue. Con questa innovativa iniziativa c’è stato un grande incremento del turismo napoletano e, tuttora, sono ancora molti quelli che vengono nella nostra ridente cittadina per il fascino magnetico esercitato dai suoi tesori nascosti.

Stampa/PDF
Napoli insolita e segreta