Napoli: valorizzazione del sito UNESCO

Stampa/PDF

Dopo la consegna del cantiere della Chiesa di San Pietro Martire, i cui lavori sono già iniziati, l’avvio della progettazione esecutiva dei tre lotti di strade da parte delle ditte affidatarie e l’inizio dell’attività di rilievo riguardante il Complesso dei Girolamini, propedeutica agli importanti lavori previsti per il complesso monumentale, prosegue in maniera sistematica l’attuazione del Grande Progetto Centro storico di Napoli – Valorizzazione del sito UNESCO con la stipula dei contratti per la progettazione dell’intervento di Recupero e rifunzionalizzazione della chiesa denominata Sacro Tempio della Scorziata su piazza S. Gaetano e per la progettazione esecutiva cui seguiranno  lavori di restauro del Complesso di San Paolo Maggiore.

Il primo affidamento –relativo al Sacro Tempio della Scorziata - prevede la redazione del progetto definitivo dell’intervento di consolidamento strutturale dell’intero complesso e la redazione del progetto definitivo delle opere edili e degli impianti relativi di parte del fabbricato, per la  rifunzionalizzazione dei primi tre livelli della verticale prospettante Vico Cinquesanti e il restauro della chiesa. La conclusione della progettazione è prevista per la fine di agosto.

Il secondo affidamento mira al restauro e alla valorizzazione del complesso di San Paolo Maggiore attraverso il potenziamento dei suoi valori culturali ed economici. La rifunzionalizzazione prevede l’allestimento del museo dell’opera e di una pinacoteca, la sistemazione del chiostro, della sala auditorium e degli spazi di accoglienza e di promozione didattica, il tutto finalizzato all’inserimento della struttura all’interno del sistema museale territoriale e all’aumento dell’offerta di attività e servizi socioculturali alla città.

Prosegue, afferma l’Assessore Carmine Piscopo, l’azione di recupero, restauro e valorizzazione dei beni della nostra città e del patrimonio storico artistico, anche grazie ad un serrato lavoro di concertazione istituzionale.”

Stampa/PDF
Napoli: valorizzazione del sito UNESCO