• Magazine
  • Economia
  • Norme unificate per la vendita di merci: nuova posizione europea

Norme unificate per la vendita di merci: nuova posizione europea

Stampa/PDF

L'UE sta introducendo regole migliori e più chiare sia per le imprese che per i consumatori quando si tratta di vendite di beni.

Il Consiglio Europeo ha adottato la sua posizione sulla direttiva sulle vendite di beni, che mira a fornire un quadro giuridico coerente in tutta l'UE, garantendo al contempo un livello elevato di protezione dei consumatori. La direttiva copre le transazioni a distanza (comprese quelle online), nonché le vendite dirette, per evitare la frammentazione e fornire maggiore chiarezza ai consumatori.

"Norme chiare ed efficaci sono essenziali per l'ulteriore sviluppo del commercio transfrontaliero all'interno del mercato unico: una società o un consumatore non vendono o acquistano beni in un altro Stato membro se non vi è sufficiente certezza giuridica sui loro diritti e obblighi. accordo che abbiamo raggiunto oggi, spero che potremo fare rapidi progressi con il Parlamento europeo per raggiungere un accordo sulle vendite di beni e la direttiva sui contenuti digitali entro la fine della legislatura" ha dichiarato Josef Moser, ministro della giustizia dell'Austria.

Elementi principali della posizione del Consiglio Europeo 

La direttiva stabilisce norme comuni su alcuni requisiti relativi ai contratti di vendita conclusi tra il venditore e il consumatore. Questi includono norme sulla conformità dei prodotti al contratto (compresa una definizione di conformità basata su criteri oggettivi e soggettivi), i rimedi in caso di difetto di conformità, il modo in cui tali rimedi possono essere esercitati e le garanzie commerciali.

La direttiva si basa sul principio della massima armonizzazione , il che significa che gli Stati membri non possono discostarsi dai requisiti del testo. Tuttavia, per alcuni aspetti, la posizione del Consiglio prevede che i paesi dell'UE possano lasciare un margine oltre i requisiti, in particolare per mantenere il livello di protezione dei consumatori già applicato a livello nazionale. Questo è il caso, per esempio, di:

  • tempo limite per periodi di garanzia . Mentre la direttiva prevede un minimo di due anni per il periodo di garanzia, gli Stati membri possono andare oltre questo, ma non al di sotto, nella loro legislazione nazionale;
  • onere della prova in caso di non conformità del bene: la direttiva prevede che entro un anno dal momento in cui il bene è stato consegnato, si presumerà che la non conformità esisteva al momento della consegna senza che il consumatore dovesse provarlo. Tuttavia, al fine di mantenere la coerenza con la legislazione esistente in alcuni Stati membri, il Consiglio ha introdotto la flessibilità per i paesi di applicare questo principio per due anni anziché uno.

La posizione del Consiglio stabilisce inoltre che le merci con elementi digitali (ad esempio i cosiddetti "frigoriferi intelligenti" o "orologi collegati") devono essere regolamentate solo nell'ambito della direttiva sulle vendite di beni e non anche nella direttiva sui servizi digitali. Questa è l'opzione che dovrebbe fornire la migliore chiarezza e certezza delle regole per i consumatori.

Per quanto riguarda i possibili rimedi per un consumatore in caso di difetto di conformità del bene , il Consiglio ha mantenuto l'elenco dei possibili rimedi dalla proposta della Commissione (riparazione, sostituzione, riduzione del prezzo o risoluzione del contratto) e ha convenuto di non imporre un gerarchia dei rimedi. Tuttavia, questi rimedi sono legati ad alcune condizioni. Inoltre, l'obbligo, a condizioni, per il venditore di proporre riparazione è un passo importante nella lotta contro l'obsolescenza pianificata di alcuni beni.

Prossimi passi 

Il Consiglio Europeo è ora pronto per avviare negoziati con il Parlamento.L'accordo odierno dovrebbe inoltre aprire la strada a un rapido accordo sulla direttiva strettamente collegata sui contenuti digitali su cui il Consiglio ha adottato l'orientamento generale a giugno 2017 e per la quale sono in corso negoziati con il Parlamento.

Sfondo 

Entrambe le direttive fanno parte della "Strategia del mercato unico digitale per l'Europa" presentata dalla Commissione nel dicembre 2015. La direttiva sulle vendite di beni era inizialmente limitata alle vendite online e ad altre vendite a distanza, ma è stata modificata dalla Commissione nel 2017 per includere anche -sale vendite al fine di garantire regole simili per i consumatori che acquistino online o nei negozi.

Stampa/PDF
Norme unificate per la vendita di merci: nuova posizione europea