Teatro Sannazaro - Il teatro di Napoli

Off/lab

Stampa/PDF
La quantità di contenuti che scorriamo ogni giorno dai nostri smartphone equivale all’altezza di due Statue della Libertà.

L'installazione/esperimento di Off/lab 
Con questa riflessione sul sovraccarico di immagini e di informazioni da cui siamo immersi - e spesso disorientati - quotidianamente, per la Design Week 2020 BASE Milano propone al pubblico del Fuorisalone un’esperienza inaspettata. Dal 21 al 26 aprile la lounge dell’ex Ansaldo - da grande piazza aperta, a cui siamo abituati, dove socializzare, studiare, lavorare e divertirsi - si trasformerà in off/lab: uno spazio fisico e mentale di decompressione per dare ai visitatori la possibilità, proprio nel cuore del distretto Tortona, di estraniarsi temporaneamente dalla caotica frenesia che caratterizza il Fuorisalone.

Progetto di BASE da un concept di Stella Orsini, l’installazione/esperimento sarà composta da una sequenza di ‘letti’ disposti nello spazio con luci e suoni pensati per riprodurre - in 20 minuti - un’esperienza di isolamento dall’eccesso di input della Design Week, che spesso riproduce una più allargata situazione socio-lavorativa. Ad accompagnarla, un kit multisensoriale - tra cui una traccia musicale inedita che reinterpreta i rumori bianchi, curata dall’artista Go-Dratta - che verrà consegnato a tutti i partecipanti per riuscire a mettere mente e corpo in modalità off.

Nell’epoca che ha esaltato il multitasking si è persa di vista la necessità di uno spazio mentale di nulla apparente, fase chiamata dai neurologi “default mode” in cui annoiarsi e lasciar vagare liberamente il cervello per permettergli di sedimentare informazioni ma anche di creare connessioni inaspettate.

Disconnettersi per riconnettersi, creare un vuoto per dare spazio al nuovo. Una provocazione? Non solo. Perchè off/lab vuole essere un’installazione-esperimento, una riflessione collettiva, ironica e al tempo stesso seria e urgente, sulla contemporaneità. BASE lancia così un invito a mettere in discussione lo stato di iperconnessione e iperattività imposto dai ritmi della quotidianità e del lavoro, in relazione alla nostra capacità di generare idee e creatività.

Off/lab come momento di riflessione
Con questa installazione, BASE integra la propria riflessione in atto sul mondo del lavoro contemporaneo, sulla modalità e gli spazi di interazione che caratterizzano le nostre relazioni, sui tempi necessari per dare vita a processi creativi. L’idea di off/lab nasce infatti dall’esperienza sviluppata negli ultimi anni all’interno del burò, la Project House di BASE, che riunisce diverse realtà delle industrie culturali con l’obiettivo di generare progetti e contaminazioni fra le diverse discipline, creare un laboratorio di sperimentazione per nuovi modelli di gestione del tempo e dello spazio di lavoro condiviso.

Proprio qui, nella Project House, è situata una piccola off/room, spazio permanente di decompressione, dove poter rimanere soli, in silenzio, e dove non sono ammessi dispositivi tecnologici. Partendo da questa esperienza - molto apprezzata dalla community di residenti -, BASE intende replicare l’esperimento su larga scala coinvolgendo il pubblico della Design Week per indagare una tematica che sembra diventare ogni giorno più urgente.
Burò_BASE_ph Serena Eller
BASE

Ventura Future
In perfetta sintonia con l’identità di BASE, prosegue inoltre la partnership con Ventura Projects - sinonimo di sperimentazione e idee innovative nel panorama del design – che anche quest’anno porterà negli spazi dell’ex Ansaldo l’evento Ventura Future con una selezione delle migliori scuole e designer emergenti provenienti da tutto il mondo.

Programma musicale / aking bahay* casa mia
Dal tramonto fino a tarda notte PØGO production vi invita ad un giro del mondo musicale a chilometro zero perché i suoni di tutto il mondo sono già tutti qui, tra le strade di una Milano multietnica e multiculturale, ed hanno come protagonisti nuovi cittadini di una realtà che per evolversi deve ibridarsi e contaminarsi.

L'iniziativa sostiene concretamente la campagna “Music Is Social Change” promossa da Music Innovation Hub - progetto residente a BASE Milano - con l’obiettivo di divulgare i 17 goal sullo sviluppo sostenibile indicati dall'Onu.
Stampa/PDF
Off/lab