• Magazine
  • Società
  • Osservazioni di Donald Tusk dopo l'incontro con Alexis Tsipras

Osservazioni di Donald Tusk dopo l'incontro con Alexis Tsipras

Stampa/PDF

Buongiorno. Prima di ogni altra cosa, lasciate che ringrazi, il primo ministro Tsipras, per la sua ospitalità qui ad Atene.

Il Consiglio europeo si riunisce questa settimana con le più grandi sfide per il futuro dell'Unione europea che sono all'ordine del giorno: la futura adesione dell'Unione europea del Regno Unito e la crisi della migrazione.

Sulla Gran Bretagna. Il mio viaggio a Parigi, Bucarest, Atene, Praga e Berlino fa parte degli ultimi, ma si spera ancora fragili negoziati per un nuovo insediamento del Regno Unito. La proposta che ho messo sul tavolo è giusta ed equilibrata. Aiutare il Regno Unito per affrontare tutte le preoccupazioni sollevate dal Primo Ministro Cameron, senza compromettere i nostri valori e le nostre libertà comuni. Ci sono ancora molte questioni difficili da risolvere. Il primo ministro Tsipras e io abbiamo condiviso le nostre opinioni su questi temi e sono felice che ci sia una convergenza tra noi.

Ora vorrei passare alla crisi migratori e ai rifugiati. La crisi migratoria che stiamo assistendo è un test per la nostra Unione per i suoi limiti. E la Grecia è tra i paesi più colpiti. Non è un caso che i cittadini delle isole greche siano stati nominati per il premio Nobel per la pace per la loro generosità nell'aiutare le persone bisognose.

La Grecia non ha causato questa crisi, né l'Europa. A tutti coloro che parlano di escludere la Grecia da Schengen, pensando che questa sia una soluzione per la crisi migratoriam, io dico: No, non lo è. Sia chiaro, escludendo la Grecia da Schengen non si risolve nessuno dei nostri problemi. Non finisce la guerra in Siria. E non finisce l'attrazione europea dei migranti. E non è una soluzione comune europea. Ciò che dobbiamo fare è quello di migliorare la protezione delle frontiere esterne, anche qui in Grecia. Ciò richiede maggiori sforzi e richiede anche maggiore sostegno da parte dei partner europei. Grazie.

Stampa/PDF
Osservazioni di Donald Tusk dopo l'incontro con Alexis Tsipras