Teatro Sannazaro - Il teatro di Napoli

Pensionati in Portogallo: addio al paradiso fiscale

Stampa/PDF

Potrebbe svanire presto il paradiso fiscale dei pensionati in Portogallo. Il governo socialista guidato da Costa introdurrà nella finanziaria 2020 un emendamento che abolisce l'esenzione dalle tasse per i pensionati emigrati. Sono più di 1200 i pensionati italiani trasferitisi all'estero nel 2018 e il nostro governo ha introdotto una sorta di flat tax per attirare i pensionati stranieri.

La nuova vita dei pensionati all'estero
Fare i pensionati all'estero sembra essere l'ultima moda in voga in Europa. Clima mite, lingua e cultura simile a quella propria,, buon funzionamento del sistema sanitario, costo della vita basso e, dulcis in fundo, niente tasse. È questo lo scenario che ogni anno attrae migliaia di pensionati anche italiani in Portogallo. Dal 2009, infatti, il governo portoghese ha disposto l'esenzione dalle tasse ai pensionati stranieri residenti non abituali per i primi dieci anni. Per essere riconosciuto come residente non abituale bisogna spostare la propria residenza in Portogallo, viverci per almeno 183 giorni all'anno. Quindi, nle caso degli italiani, si fa apposita richiesta presso l'Inps di competenza e, grazie a un accordo Italia Portogallo, la pensione viene erogata senza alcuna trattenuta, dopo al massimo tre mesi, il tempo di effettuare i controlli di rito. In dieci anni il Portogallo ha attirato circa 2800 italiani. Esistono diverse agenzie di supporto a questo passaggio e che con le nuove disposizioni del governo potrebbero vedersi diminuito drasticamente il lavoro.

presto svanirà il paradiso per i pensionati in Portogallo

Quale destino aspetta i pensionati in Portogallo?
Il governo portoghese guidato dal socialista Antonio Costa sarebbe pronto, infatti, a inserire nella manovra finanziaria del 2020 un emendamento che porta la tassazione delle pensioni estere da 0 al 10% con un versamento minimo di 7.500 euro l'anno. La detassazione attuata in questi dieci anni ai pensionati emigrati ha portato un alto livello di sviluppo soprattutto delle località turistiche che si sono rivelate le preferite degli over 65. Le agenzie immobiliari sono state le prime a giovarne. Allo stesso tempo ha attirato le critiche delle associazioni pensionati portoghesi che hanno lamentato discriminazioni nei loro confronti rispetto al trattamento riservato ai loro "colleghi" stranieri. Il grido di protesta è stato accolto dall'opposizione di sinistra che appoggia dall'esterno il governo, il Bloco de Esquerda, per cui è facile capire perché Costa, ha deciso di inserire questo emendamento nella legge di bilancio. A incoraggiare questo provvedimento sono state anche le proteste di alcuni Stati dell'Unione europea che hanno lamentato la concorrenza fiscale del Portogallo. La nuova disposizione non sarà retroattiva per cui non cambierà nulla per coloro che già risiedono nella terra degli antichi Lusitani.

sono 2800 i pensionati trasferiti in Portogallo in dieci anni

Le misure dell'Italia per i pensionati emigrati
Intanto anche in Italia si è pensato a una sorta di flat tax per i pensionati emigrati. Secondo l'Istat, nel 2018, sono circa 1257 i pensionati trasferiritisi in Portogallo o anche in Inghilterra, Francia, Germania e Svizzera per usufruire degli innumerevoli vantaggi e la misura introdotta dovrebbe contrastare questa tendenza. I pensionati emigrati che decidono di spostare la residenza in comuni del Sud Italia con meno di 20mila abitanti potranno beneficiare di un'imposta sostitutiva del 7% per cinque anni. In questo modo si contribuirà anche al ripopolamento delle aree di emigrazione.

Stampa/PDF
Pensionati in Portogallo: addio al paradiso fiscale