POMPEI:PRESENTATO IL PIANO DI RECUPERO

Stampa/PDF

La sopraintendente ha illustrato il progetto realizzato da quattro università, italiane ed internazionali, per la realizzazione di immagini 3D di alcune domus

Presentato il piano di recupero per Pompei. Soldi UE per la manutenzione ed il progetto 3D degli scavi. Alla presenza del neo ministro Galan accompagnato dai vertici del suo MIBAC, della sopraintendente di Napoli e Pompei Teresa Elena Cinquantaquattro e del governatore Caldoro, è stato offerto un primo quadro delle attività in elaborazione per il recupero degli scavi. Cinque, hanno detto Roberto Cecchi e Luigi Malnati del MIBAC, i punti cardine del progetto: Verifica dello stato degli scavi, sponsorizzazione, sicurezza, maggiore fruizione e rafforzamento dell'offerta. Tali obiettivi andrebbero ricercati tramite una collaborazione, ancora tutta da creare, fra il ministero e sponsor privati pronti a farsi carico di una o più zone degli scavi, così come accaduto con il Colosseo-Della Valle. Nell'immediato il ministro ha parlato di un problema solamente logistico e non economico, fornendo alcune cifre, come i 100 milioni messi a disposizione dalla UE per un piano di salvataggio di Pompei, già disponibili. A questi andranno aggiunti i fondi delle risorse comunitarie per il Sud Italia, bottino da 34 miliardi da cui attingere anche per la questione “scavi”. La sopraintendente Cinquantaquattro ha illustrato invece il progetto realizzato da quattro università, italiane ed internazionali, per la realizzazione di immagini 3D di alcune domus, attività che, con i promessi finanziamenti, dovrebbe essere estesa a tutta l'aria e servire per il rilancio pubblicitario del complesso archeologico. Anche il Governatore ha abbozzato una proposta, una “stur” che funga da attrattore per finanziamenti privati nella zona pompeiana. La presentazione di un progetto vero e proprio è comunque ancora da venire, almeno nelle forme attese dalla UE per sbloccare i finanziamenti. Le dichiarazioni del ministro, il quale ha anche promesso l'assunzione di 70 unità fra archeologi e tecnici e dato rassicurazioni su sicuri finanziamenti privati già procurati dal candidato Lettieri, sono dunque da leggere alla luce delle votazioni del 15 e 16 maggio.

Andrea Caprioli

Stampa/PDF
POMPEI:PRESENTATO IL PIANO DI RECUPERO