Rivoluzione Pop

Stampa/PDF
Nell'Arte del '900 ritroviamo un certo risveglio dei sensi con la sua creatività ribelle ed innovativa, rompendo senza soluzione di continuità con la tradizione artistica delle vecchie accademie a tutti i livelli di significato, di forme e di funzione estetica. 

Poiché l'arte contemporanea sin dalle sue origini si è sempre rifatta ed è sempre stata influenzata dallo spirito magico e selvaggio di una certa creatività primitiva, espressioni primarie di segno e gesto allo stato puro. 

Il mondo affascinante e tutte le forme della Pop Art invadono gli spazi della Galleria Restelliartco. 

Un racconto cominciato circa cinquant'anni fa che continua a coinvolgere ed influenzare ancora oggi il pubblico. 

La mostra

"Rivoluzione Pop" propone un viaggio attraverso tutta l'evoluzione della Pop Art Nazionale ed Internazionale a partire dagli anni sessanta quando il movimento iniziò a sperimentare una nuova visione estetica del mondo. 

Una grande mostra che intende fornire una lettura articolata e innovativa delle vicende che hanno portato alla nascita e alla diffusione di questo nuovo modo di concepire l'arte. 

Partendo dagli oggetti simbolo del più egocentrico del gruppo Pop americano Andy Warhol come: "Silver Coke", "Campbell Soup" e "Brillo Box", al più nostalgico Roy Lichtenstein che tramite il suo raffinato senso della composizione, riesce a riportare nelle sue opere l'infanzia di un universo lontano, così come gli eroi, gli aviatori di guerra e le fanciulle romantiche piangenti, passando per il romanticismo di Robert Indiana con la serie degli arazzi "Love", terminando con il social-cultural del graffitista Keith Haring. 

Il percorso si estende arrivando appunto all'influenza trasmessa ai nostri artisti italiani, pienamente in sintonia con le analoghe esperienze maturate in ambito internazionale e al tempo stesso linguisticamente autonoma rispetto ai modelli statunitensi ed europei del periodo. 

In mostra i "Pesci", i televisori e i "Futuristi" di Mario Schifano, gli "Half Dollar" di Franco Angeli, i "Paesaggi" di Tano Festa, "Latte" di Cesare Tacchi, le composizioni in carboncino di Jannis Kounellis successivamente poverista, finendo con i profili d'argento dell'unica donna del gruppo Giosetta .
Stampa/PDF
Rivoluzione Pop