Teatro Sannazaro - Il teatro di Napoli

Settantamila minori in viaggio per curarsi

Stampa/PDF

Nel 2019, grazie e al prezioso supporto di 120 volontari, CasAmica ha registrato complessivamente (adulti e bambini) circa 7.500 presenze per un totale di oltre 47mila notti di accoglienza per i pendolari della salute e per i loro familiari, quasi 1000 in più rispetto al 2018.

La maggior parte degli ospiti di CasAmica arriva nelle strutture di accoglienza – situate a Milano, Lecco e Roma – dopo aver affrontato un lunghissimo viaggio: il 73% per cento delle persone accolte proviene infatti dal Sud Italia e dalle isole.

DATI E NUMERI. CasAmica, in particolare, gestisce sei strutture di accoglienzaper “pendolari della salute” distribuite a Milano, Roma e Lecco.

Tra queste c’è la Casa dei Bambini di Milano, appositamente studiata per far sentire a proprio agio i piccoli ospiti e permettere loro di condurre il più possibile una vita normale insieme ai familiari, nonostante la lontananza da casa e la malattia.

La scelta di studiare un’accoglienza speciale per bambini e adolescenti è legata al fatto che ben il 10% dei malati che arrivano a Milano per curarsi ha un’età inferiore ai 18 anni. 

LA CAMPAGNA SOLIDALE. La Campagna Sms Solidale #comeacasa, volta a sostenere le preziose attività solidali e sociali dell’associazione, sarà attiva dal 9 al 29 febbraio: con un sms o una chiamata da rete fissa al 45591 sarà possibile aiutare CasAmica ad accogliere sempre più persone costrette a viaggiare per sottoporsi a cure mediche.

IL VALORE DEL BENEFICIO SOCIALE. In Italia, infatti, ogni anno sono circa 400 mila le persone affette da gravi patologie costrette a spostarsi lontano dalla propria città per ricevere cure; un numero molto importante che ingloba anche tante famiglie che, a causa di fragilità economiche, non possono permettersi un alloggio.  Da una recentissima Ricerca SROI è emerso che CasAmica quadruplica il valore delle donazioni, ogni euro investito nelle attività di accoglienza genera 4,23 euro di beneficio sociale.

Stampa/PDF
Settantamila minori in viaggio per curarsi