Squarci nelle tenebre

Stampa/PDF

E’ da un po’ di tempo che pensavamo ad una mostra sul contrasto luministico come metafora del contemporaneo, ad un’esposizione di forte impatto qual è la dura realtà di questo momento storico, che interpreti attraverso la sensibilità degli artisti e l’efficacia comunicativa delle loro opere lo zeitgeist, lo spirito del tempo, questa sensazione psicologica generale incombente, d’impotenza di fronte ad un’attualità così esasperata, davanti alle tragedie e alle emergenze del quotidiano.

Più di un anno fa, dopo Charlie Hebdò  avevamo già ideato un titolo (decisamente un po’ più soft) “Luci e ombre”. I tragici fatti di Parigi del Bataclan hanno ulteriormente impressionato, sconvolto,  shoccato e così ritenevamo più opportuno invertire i termini con “Ombre e luci”, ma dopo Bruxelles siamo stati letteralmente travolti e sfiorati dalla tragedia, così abbiamo dovuto purtroppo ripiegare su un più brutale “Squarci nelle tenebre”.

La situazione – in generale - ci sembra precipitata, ci stanno crollando addosso tutte quelle certezze su cui ci siamo formati, costruiti come persone e cittadini del mondo. Speriamo di non arrivare alle tenebre totali! Biblioteche bruciate, statue frantumate a colpi di martello pneumatico, siti archeologici anche tutelati dall’Unesco distrutti e così beni culturali magnifici che hanno resistito nei secoli e che hanno testimoniato nei millenni la storia di antiche civiltà scomparse sono stati cancellati in un istante e così chi si è messo contro a questa barbarie è stato brutalmente ammazzato e umiliato. Vite spezzate di genti in fuga dalla distruzione. Donne deturpate e lapidate. Minori violati ed infanzia negata. Popoli annientati e spazzati via da altri popoli. Non pensavamo di dover assistere ancora una volta a tutto questo. Vien da chiedersi: la storia e la civiltà che ci è stata consegnata e che è stata così duramente guadagnata con la fatica ed il sangue di chi ci ha preceduto, sembra non aver insegnato nulla all’uomo contemporaneo? E guardando i muri che si stanno erigendo, dove è sono andati a finire le libertà, i valori, i diritti dell’Europa e dell’Occidente?

Squarci nelle tenebre” affronta brutalmente la scottante attualità ed i cambiamenti epocali in atto, sociali, politici, geografici, culturali e ambientali (riscaldamento globale, nucleare, radiazioni, contaminazioni alimentari,… che stiamo attraversando, ma per non sentirci del tutto inermi ed impotenti spettatori cerchiamo di dare ognuno il proprio apporto per dare una speranza a chi ci seguirà nel cammino dell’umanità e cercare d’intravvedere al di là del tunnel, una luce, una riflessione che si estende, più in generale, alla condizione umana. Le opere esprimono emozioni e sentimenti, talvolta uno stato d'animo di profondo disagio ed angoscia per questo particolare momento storico di profondo dolore, crisi, carestie, catastrofi naturali ed incertezza, ma anche pur sempre una recondita e doverosa speranza. Siamo consapevoli che stiamo vivendo una fase storiepocale molto difficile, che dobbiamo analizzare e capire a fondo senza stereotipi e pregiudizi. L’artista capta con le sue antenne i segni di ciò che verrà, registra e preannuncia nelle opere situazioni accadute o probabili, esponendosi in prima persona con il proprio lavoro. Comprende il “tuo” stato d’animo e il “tuo” disagio che condivide appieno e che cerca di superare come può, con i mezzi dell’arte e della creatività, tuffandosi a capofitto nel lavoro senza pensare a cosa servirà nell’immediato, sicuramente a farci sentire meno soli e a condividere con altri artisti, operatori e semplici spettatori/visitatori paure, ansie, fatiche e dispiaceri, di un momento che possiamo decisamente definire tragico, con cui inevitabilmente dobbiamo fare i conti e cercare di superare con dignità e nel modo migliore possibile, facendo leva sul buon senso, sull’enorme serbatoio di creatività e cultura che caratterizza ogni civiltà e società. L’arte salverà il mondo? Vogliamo crederci!

Dal 29 maggio al 17 luglio presso gli spazi PaRDeS-Laboratorio di Ricerca d’Arte Contemporanea, Mirano (VE), Via Miranese 42.

A Mirano visite su prenotazione da mercoledì a domenica dalle ore 16 alle 19 tel./fax  041/5728366 cell. 349 1240891; artepardes@gmail.com.

La mostra continua dal 7 giugno al 16 luglio a presso l’Art Factory di Tobia Ravà Dorsoduro 2324 a Venezia. Orari di apertura: da mercoledì a venerdì 16.00-19.00. Sabato 10-13 (in altri orari telefonare al 3457830244).

Oggi 31 maggio alle ore 21 a PaRDeS Sogni di primavera. Il Trio Accordo presenta un concerto in omaggio alla bella stagione, sulle fioriture musicali del trio K548 di Wolfgang Amadeus Mozart, il divertente trio in MI bemolle maggiore di Gaetano Donizetti e le delicate vibrazioni del Trio Op. 17 di Clara Schumann, pianista, compositrice e moglie di Robert Schumann.

Ingresso libero su prenotazione.

Il Trio Accordo è un ensemble al femminile attivo da più di un anno. Attualmente formato da Cecilia Zanotto (violino), Elvira Moysh (violoncello), Elena Della Siega (pianoforte), il trio si è esibito a Palazzo Zacco a Padova, ad un convegno di antroposofia a Oriago, ai Concerti del martedì a Roncegno (TN), per due volte consecutive al Festival di Filosofia a Conegliano (TV), e al Goethe Zentrum di Bologna. Tommaso Spanio presenterà il Trio Accordo ed i brani musicali.

Tra i prossimi progetti, il Trio Accordo prenderà parte al Festival internazionale di Rovigno nel 2017.

A cura di Maria Luisa Trevisan

Mirano, PaRDeS, 29 maggio -17 luglio 2016 - Venezia, Art Factory, 7 giugno al 16 luglio 2016

Nei vari spazi espositivi saranno esposte opere di:

Rudy Barborini, Ariela Böhm, Fabio Bolinelli, Stefano Bonato, Alessandro Cadamuro, Alessandro Cardinale, Franco Cimitan, Anna Colitti, Franco Corrocher, Saul Costa, David Dalla Venezia, Paolo della Corte, Alberto Di Fabio, Enas Elkorashy, Nicola Evangelisti, Roberto Fontanella, Luigi Gattinara, Giovanni Giupponi, Cristina Gori, Nicholas Herdon, Bobo Ivancich, Laure Keyrouz, Abdallah Khaled, Raimondo Lorenzetti, Federica Marangoni, Maruzza, Mia Battaglia, Anastasia Moro, Aldo Pallaro, Pain Azyme, Barbara Pelizzon, Günter Pusch, Tobia Ravà, Ana Maria Reque, Marco Rostellato, Katia Scotti, Annamaria Targher, Cesare Vignato, Luigi Viola, Massimo Zanta.

Stampa/PDF
Squarci nelle tenebre