Swing is Back

Stampa/PDF

È vintage party oggi al Dum Dum Republic di Capaccio PaestumDal Cotton Club di New York a Kansas City ad Harlem: un viaggio attraverso  le atmosfere dell’America dagli anni ’20 ai ’40, che rivivono sulla spiaggia del Cilento.

Abbigliamento retrò, con ampi abiti a pois e a fiori per le donne e scarpe stringate bicolore e bretelle per gli uomini. Dalle big band di Count Basie a Duke Ellington, ai grandi successi radiofonici, al jazz, al dixie. Siamo alla fine degli anni ‘20, in piena crisi economica e in pieno proibizionismo: si avverte il bisogno di idee nuove e di ritmiche travolgenti. Si diffonde cosìla social dance. È l’epoca del Lindy Hop, un vero fenomeno di massa, con centinaia di ballerini senza discriminazione di razza che  affollano le ballroom americane dove si esibiscono le grandi orchestre: un vero esempio di integrazione culturale tra bianchi e neri.

Swing, quindi, che abbatte le barriere, che è contatto, ballo di coppia, per ridere e divertirsi, e che ritorna al Dum Dum a grande richiesta dopo la preview dello scorso anno con Swignin’Napoli, associazione per la diffusione e la promozione della danza e la musica che sono universalmente riconosciute come Swing, LindyHop & Vintage Vernacular Jazz.

Dalla collaborazione tra Luca Chimenti e Irene Vecchia nasce informalmente Swignin’Napoli, il primo nucleo napoletano di ballerini interessati a recuperare e diffondere le varie espressioni artistiche che dagli anni ’20 agli anni ’50 del Novecento si sono diffuse in tutto l’occidente a partire dal nucleo afro-americano degli Stati Uniti, fino all’Europa del dopoguerra. In consolle, con una travolgente selezione musicale che spazia dal rock’n'roll allo swing al rhythm and blues con Mister Tone Cooper.  Musica e motori sono le sue più grandi passioni ed è proprio grazie a loro che nel 2009 è stato catapultato nel meraviglioso mondo dello swing. Inizia a ballare lindy hop con Irene Vecchia (S’Nap) e in sella alla sua moto girano l’Italia per partecipare a concerti, workshop e festival dedicati, ma il loro sogno è portare lo Swing nella loro città, Napoli.

Stampa/PDF
Swing is Back