Titano e la sua atmosfera all’infrarosso

Stampa/PDF

La più grande luna di Saturno è stata studiata in lungo e in largo dalla missione Cassini-Huygens, ma solo grazie allo spettrometro Vims è stato possibile creare delle esaustive mappe sulla morfologia e composizione della superficie

Osservare Titano, la luna più grande del sistema di Saturno, con strumenti ottici (quindi in luce visibile) non ha dato agli scienziati risultati soddisfacenti come quando sono state utilizzate camere all'infrarosso. Ed è così che, nel corso della missione Cassini-Huygens, la sonda ha sfruttato le potenzialità dello strumento Vims (Visual and Infrared Mapping Spectrometer) per studiare nel dettaglio la spessa atmosfera che avvolge uno degli oggetti più interessanti e misteriosi del Sistema solare.

Titano e Saturno 

La luna di Saturno Titano vista con gli occhi a infrarosso della sonda Cassini (Vims o Visual and Infrared Mapping Spectrometer). Crediti: Nasa/Jpl-Caltech/University of Nantes/University of Arizona

La sonda Cassini ha studiato per oltre un decennio i diversi fenomeni che caratterizzano Saturno, i suoi anelli e i suoi satelliti naturali. Titano è stato osservato in lungo e in largo e solo grazie allo spettrometro Vims è stato possibile completare i dati raccolti sull'atmosfera lunare dal lander Huygens durante la sua discesa sulla superficie. Vista da lontano in luce visibile, la luna Titano appare, infatti, come una grande palla giallastra (colore che indica una fitta coltre di nubi tossiche).

In questo mosaico, Vims ha catturato le numerose caratteristiche che rendono così speciale questo satellite. La mappe che sono state create combinano i dati della moltitudine di osservazioni fatte con condizioni di luce di volta in volta diverse nel corso della missione, cucite insieme in una sequenza di immagini che ci regala la migliore rappresentazione della superficie di Titano fino ad oggi.

I colori di Titano 

I colori di Titano riflettono le variazioni dei materiali presenti sulla superficie della luna. È facile riconoscere le distese di dune equatoriali grazie a un uniforme color marrone, mentre i colori bluastri e viola indicano materiali arricchiti nell'acqua ghiacciata.

Ricordiamo che la missione Cassini è terminata il 15 settembre 2017 con un fatale tuffo nell'atmosfera saturniana (il Grand Finale).

Stampa/PDF
Titano e la sua atmosfera all’infrarosso