Teatro Sannazaro - Il teatro di Napoli

Tolleranza zero per gli sfruttatori

Stampa/PDF

I consumatori spesso non sanno che il cibo che mangiano o gli abiti che acquistano possono essere stati  prodotti da persone che lavorano in condizioni di grave sfruttamento lavorativo.

Una nuova relazione dell'Agenzia dell'Unione europea per i diritti fondamentali (FRA) mostra che mentre  l'UE ha un complesso normativo che vieta talune forme di grave sfruttamento del lavoro, i lavoratori che si spostano all'interno o i migrati verso l'UE sono a rischio di diventare vittime di questo sistema illegale.

C'è da ricordare, però, che il reato di impiegare un lavoratore migrante in condizioni lavorative di particolare sfruttamento è punibile in alcuni Stati membri dell'UE con una pena massima di meno di due anni, una pena che non riflette la gravità delle violazioni dei diritti fondamentali in gioco.

"Lo sfruttamento dei lavoratori, costretti dalla loro circostanze economiche e sociali ad accettare condizioni di lavoro scadente è inaccettabile ", ha detto Constantinos Manolopoulos, direttore ad interim di FRA. "Stiamo parlando di una problema endemico verso cui dobbiamo intervenire con urgenza per porvi fine. Gli Stati membri dell'UE hanno bisogno di fare un maggiore sforzo per promuovere un clima di  tolleranza zero per le forme gravi di lavoro sotto sfruttamento e adottare misure per monitorare in modo
più efficace la situazione e aumentare le sanzioni per i colpevoli ".

Ilavoratori sfruttati sono distribuiti in diverse aree geografiche e settori dell'economia, che spesso hanno molto in comune, come ad esempio i salari molto bassi - a volte di addiritura 1 € all'ora o meno - e giorni lavorativi di 12 ore o più per sei o addirittura sette giorni a settimana.

Un fattore importante che contribuisce alla situazione attuale di diffusa impunità è una mancanza di segnalazione da parte delle vittime, che sono impedite a farlo o non vogliono farsi avanti per paura di  perdere il loro misero posto di lavoro.

Ecco le proposte FRA per migliorare la situazione:
- Gli Stati membri dell'UE devono garantire un approccio globale, efficace e ricco di risorse, e un sistema di ispezioni sul posto di lavoro.
- Per migliorare l'efficacia delle indagini in casi di lavoro con grave sfruttamento, stretti legami dovrebbero essere stabiliti tra la polizia, pubblici ministeri e autorità di controllo, come gli ispettorati del lavoro.
- l'accesso delle vittime alla giustizia deve essere rafforzata, ad esempio, attraverso maggiori sforzi a fare delle vittime esseri consapevoli dei loro diritti, sia prima che dopo il loro arrivo in Europa e nel Paese in cui stanno lavorando.
- Le autorità nazionali devono stabilire la fiducia e fornire un senso di sicurezza, di sicurezza e protezione per incoraggiare i lavoratori sfruttati a riferire le loro esperienze, mentre gli ispettorati  del lavoro e la polizia dovrebbero cooperare più strettamente per assicurare che si possano individuare i  casi di grave sfruttamento lavorativo ovunque si verifichino.
- I consumatori devono essere informati dei rischi che un prodotto o un servizio offerto è stato creato con  grave sfruttamento del lavoro e creare con tali mezzi un sistema di certificazione del branding di prodotti di aziende che rispettano i diritti dei lavoratori.

Stampa/PDF
Tolleranza zero per gli  sfruttatori