• Magazine
  • Idee
  • Traslochi internazionali: ecco come organizzarsi

Traslochi internazionali: ecco come organizzarsi

Stampa/PDF

Il trasloco rappresenta un momento delicato della propria vita e causa molto stress a dovuto alla moltitudine di cose a cui pensare; un trasloco internazionale ancor di più perché la distanza è molta e bisogna avere a che fare con legislazioni e regole di altri paesi che, probabilmente, non conosciamo.

I tempi per organizzare un trasloco internazionale sono di gran lunga maggiori rispetto al trasloco nazionale. Si dovrà iniziare ad organizzarlo almeno 3-4 mesi prima della data di partenza affinché tutto vada bene, per avere tutto sotto controllo ed evitare ulteriore stress. Ovviamente tutto cambia in base alla grandezza della casa, se al momento abitate in 45 mq le cose da spostare saranno di certo di meno e più gestibili.

Proprio a causa della difficoltà di un trasloco simile, è bene affidarsi a una ditta specializzata in traslochi internazionali, la quale saprà mettere a disposizione mezzi di trasporto adeguati e provvederà ad ogni obbligo burocratico per vostro conto.

I traslochi internazionali sono divisi in due categorie: trasloco europeo e trasloco intercontinentale.

I traslochi europei vengono svolti con dei camion mentre quelli intercontinentali con navi e aerei attraverso l'utilizzo di container e, in questo caso, i costi lievitano facilmente.

Come detto, anche in questo caso, le ditte incaricate per il trasloco provvederanno ad adempiere a tutte le pratiche burocratiche e dovrebbero offrire delle assicurazioni a copertura di eventuali danni ad oggetti e varie tipologie di rischio annesse al trasloco.

Uno degli aspetti positivi riguardante questo tipo di trasloco è lo scaricarsi dal compito più arduo: gli imballaggi. Ogni ditta, infatti, provvederà qualche giorno prima della data del trasloco, ad imballare ogni oggetto, mobile, accessorio etc. che dovrà essere portato nella nuova destinazione.

Se il trasloco è dovuto anche alla volontà di cambiare vita, un consiglio potrebbe essere quello di fare una grossa selezione di cose davvero utili e vendere tutti gli altri oggetti. In questo modo non solo ci si libera di oggetti che non si usano ma si va ad alleggerire anche il costo del trasloco.

Gli oggetti di piccole dimensioni, inoltre, potranno essere spediti nella nuova casa attraverso le spedizioni internazionali. Anche questo contribuirà ad alleggerire i costi del trasloco perché si utilizzeranno meno automezzi ( di conseguenza si risparmierà anche sul costo delle autostrade e delle eventuali dogane ), sarà minore il carburante necessario per il viaggio e minore sarà anche il personale da impiegare nel lavoro.

Imporsi dei limiti, stabilendo prima la quantità di oggetti da portare nella nuova destinazione, aiuterà ad alleggerire il trasloco.

Se possibile evitare di traslocare nei mesi estivi periodo in cui i prezzi che le ditte offrono sono più alti perché hanno maggior carico di lavoro.

Stampa/PDF
Traslochi internazionali: ecco come organizzarsi