TURISMO: A NAPOLI +9% RISPETTO AL 2009

Stampa/PDF

Stiamo lavorando alla predisposizione di un Piano strategico per lo sviluppo turistico della città

''Un incremento, rispetto all'anno scorso, di 8/9 punti percentuali: la stagione turistica estiva a Napoli non ha risentito degli effetti della crisi economica''. Lo spiega, in un'intervista pubblicata sul sito dell'Anci, l'assessore al Turismo del capoluogo partenopeo, Maria Grazia Pagano. "I dati parlano chiaro - spiega l'assessore -: nel mese di luglio gli alberghi della citta' di Napoli hanno registrato un'occupazione di circa il 60%, mentre nel mese di agosto del 52%"."In tempi di crisi - prosegue - è fisiologico che i consumi si contraggano, che si faccia piu' attenzione alle spese e che si tagli il superfluo. Il turismo è dunque un settore che, in quota parte, non può non risentirne. Tuttavia, anche se i giorni di vacanza mediamente si riducono, non si rinuncia magari a un week end, anche solo di due giorni; e soprattutto e' in crescita il fenomeno del last minute, che consente notevoli risparmi. Tra l'altro a Napoli è anche molto aumentata l'offerta di ricettività a costi piu' accessibili, con tanti comodi hotel tre stelle e bed & breakfast"."Sto lavorando - conclude Pagano - per raggiungere alcuni obiettivi precisi: tra questi, la partecipazione di qualita' ad alcune Borse turistiche decisive per i target di nostro riferimento: la World Travel Market di Londra, la Bit di Milano, la Itb di Berlino, la Mitt di Mosca e poi la Spagna. Poi, sto lavorando alla predisposizione di un Piano strategico per lo sviluppo turistico della città, che definisca le linee di intervento, la priorità delle azioni da mettere in campo, per evitare che le politiche del turismo siano lasciate all'improvvisazione o alla buona volontà".

Stampa/PDF
TURISMO: A NAPOLI +9% RISPETTO AL 2009