• Magazine
  • Esteri
  • Tusk visita i principali paesi dei Balcani occidentali

Tusk visita i principali paesi dei Balcani occidentali

Stampa/PDF

Il presidente Tusk si recherà a Vienna, Lubiana, Zagabria, Skopje e Atene dal 1 ° al 3 marzo per continuare a costruire un consenso europeo su come gestire la crisi migratoria e per preparare il vertice con la Turchia del 7 marzo e il Consiglio europeo del 17-18 marzo.

Il presidente Tusk incontrerà anche il Segretario generale della NATO e il direttore esecutivo di Frontex a Bruxelles venerdì 4 marzo. Come ha detto il presidente Tusk al Parlamento europeo : "Non c'è dubbio che abbiamo bisogno di ripristinare lo spazio Schengen che  richiederà dei soldi e richiede un enorme sforzo politico. Ci saranno paesi che potrebbero non essere in grado di far fronte a questa sfida. Ma l'Europa sarà lì per aiutarli. Dobbiamo investire su Schengen. Il suo futuro sarà uno dei temi chiave da trattare il 7 marzo. "

"Dobbiamo evitare di avere una battaglia tra i piani A, B e C. Non ha alcun senso, in quanto crea solo divisioni all'interno dell'Europae non ci porta più vicino ad una soluzione. Invece dobbiamo cercare una sintesi fatta da diversi approcci. "

Il viaggio del presidente Tusk si concentrerà su alcuni dei principali: nei paesi del percorso Balcani occidentali, il Consiglio europeo ha deciso di tornare a una situazione in cui tutti i membri dello spazio Schengen applicano pienamente il codice frontiere Schengen.

Il restauro del pieno funzionamento dello spazio Schengen richiede tempo e deve essere accompagnato da misure per affrontare le conseguenze umanitarie per gli Stati membri interessati, nonché l'assistenza umanitaria ai rifugiati siriani e Paesi confinanti la Siria.

Stampa/PDF
Tusk visita i principali paesi dei Balcani occidentali