Tutte uguali

Stampa/PDF

Andrea soffre di un deficit percettivo del sistema nervoso, la prosopagnosia additiva, che impedisce ai soggetti che ne vengono colpiti di distinguere i volti delle persone e nel caso di Andrea si manifesta essenzialmente in presenza di volti femminili. E' questo lo spunto da cui parte il romanzo d’esordio di Gennaro Scarpato “Tutte uguali - #unanormalestoriadamore” (Europa Edizioni), con prefazione di Alessandro Siani e illustrazioni di Francesco Filippini, che è stato presentato allo Spazio Libreria Laterzagorà (Teatro Bellini, Via Conte di Ruvo, 14). Con l’autore sono intervenuti Francesco Filippini, Pasquale Palma che leggerà alcuni brani del libro, il cantautore Tommaso Primo che si esibirà in una speciale e inedita versione musicale di un passo del romanzo, e altri ospiti e sorprese. L’incontro è stato moderato da Emma Di Lorenzo.

Giovanissimo, classe ’94, attore comico, autore e sceneggiatore, Scarpato debutta in libreria con una storia d’amore contemporanea domandandosi se un deficit del cervello può vincerla sui sentimenti. Con una prosa leggera e ironica, l’autore racconta, sullo sfondo di una Napoli romantica e suggestiva, una favola moderna da un meraviglioso lieto... inizio.

“Questa è una storia speciale. Speciale nel senso più alto del termine, quel senso che sa da retorica e quotidianità e diventa una stella guida nella ricerca dell’amore puro” - scrive Alessandro Siani nella prefazione “Pensate, l’autore si chiama Gennaro, un nome tipicamente napoletano, che ti spiazza non scrivendo una storia d’amore e criminalità come tutti si aspetterebbero in questo momento. Ti spiazza perché nella sua scrittura c’è un sapore internazionale. Una storia del genere l’avrebbe potuta scrivere un ragazzo di Liverpool o di Sydney. E io da buon napoletano, se devo essere sincero, da uno che si chiama Gennaro...mi aspetto un miracolo LETTERARIO!”

Gennaro Scarpato, napoletano classe ’94, debutta giovanissimo come attore comico in vari programmi televisivi (Colorado Cafè, Made in Sud). A partire dal 2016 ha intrapreso un percorso teatrale e cinematografico, soprattutto nelle vesti di autore. Debutta al cinema come regista dirigendo il terzo episodio del film San Valentino Stories (2018), di cui è anche sceneggiatore, prodotto da Run Film e Rai Cinema.

Stampa/PDF
Tutte uguali