U.E: come ridurre la burocrazia per i cittadini

Stampa/PDF

Il Consiglio europeo ha finalmente posto in prima lettura il regolamento che faciliterà la libera circolazione dei cittadini semplificando i requisiti per la presentazione di alcuni documenti pubblici nell'UE.

Il regolamento sarà volto ad evitare la necessità di formalità amministrative, come la legalizzazione o apostille che le autorità nazionali richiedono ancora per alcuni documenti pubblici rilasciati da un altro Stato membro (come ad esempio i documenti relativi alla materia civile di stato nascite, decessi, matrimoni e unioni registrate o quelli attestante l'assenza di precedenti penali). Il regolamento riguarda anche i documenti pubblici che si è tenuti a presentare quando si desidera votare o esercitare il proprio diritto di eleggibilità alle elezioni del Parlamento europeo o alle elezioni comunali per tutti i cittadini dell'Unione europea.

Al fine di superare le barriere linguistiche, il regolamento stabilisce anche moduli standard multilingui da utilizzare come un aiuto di traduzione attaccato ad alcuni dei documenti pubblici più frequentemente utilizzati in un contesto transfrontaliero.

"Con l'adozione di questa nuova serie di norme, stiamo effettivamente ridurre la burocrazia per i cittadini europei. Semplificare i requisiti per presentare alcuni documenti pubblici semplificherà notevolmente la vita quotidiana di quei cittadini che sono affetti da problemi transfrontalieri", ha detto Ard van der Steur, il Ministro della giustizia dei Paesi Bassi e presidente del Consiglio.

Il Parlamento europeo dovrebbe votare in seconda lettura, in una sessione plenaria molto presto, approvando così la posizione del Consiglio in prima lettura senza emendamenti e portando a termine il processo legislativo.

Stampa/PDF
U.E: come ridurre la burocrazia per i cittadini