UE: approvato emendamento per migliorare la qualità dell'aria

Stampa/PDF

Il Consiglio ha adottato una decisione, a nome dell'Unione europea, un emendamento al protocollo di Göteborg 1999 per ridurre le emissioni di inquinanti atmosferici a livello globale. L'UE è pronta ad accettare formalmente l'emendamento.

L'emendamento rafforza le disposizioni contenute nel testo originale del protocollo e dei suoi allegati, con l'obiettivo di migliorare a lungo termine la protezione della salute umana e dell'ambiente contro l'inquinamento atmosferico transfrontaliero.

"Ogni anno, 700 mila persone muoiono in Europa a causa dell'inquinamento atmosferico. Questo ci riguarda tutti indipendentemente dai confini. Con il Protocollo di Göteborg rivisto, le emissioni di inquinanti atmosferici diminuiscono, migliorando l'aria che respiriamo ogni giorno. L'UE è sulla buona strada grazie ai nostri nuovi ambiziosi limiti nazionali di emissione direttiva. Oggi, sono lieto che stiamo riconfermiamo i nostri impegni internazionali." ha affermato Siim Kiisler, Ministro dell'Ambiente della Repubblica di Estonia.

La modifica prevede impegni più rigorosi di riduzione nazionale per i quattro principali inquinanti atmosferici: zolfo (soprattutto anidride solforosa), ossidi di azoto, composti organici volatili (VOC), diversi dal metano e ammoniaca. Questi limiti di emissione sono impostati per ogni paese a inquinante e si applicano a partire dal 2020.

Un quinto inquinante - particolato fine - è menzionato per la prima volta. Il protocollo rivisto introduce gli impegni di riduzione anche delle emissioni chiare.

L'emendamento fa un passo in avanti, incorporando nerofumo come componente particolato. Queste particelle di breve durata sono tra i principali riscaldamento globale grazie alla loro potenza di trattenere il calore, che è immenso rispetto a quello dell'anidride carbonica.

Inoltre, il protocollo revisionato aggiorna i valori limite di emissione (standard di emissione) per diverse fonti di inquinamento: fissi (ad esempio fabbriche e impianti di trasformazione) e mobili (ad esempio, veicoli, macchine mobili non stradali e trattori agricoli e forestali). Le nuove norme sono introdotte sul contenuto di COV non metanici di prodotti.

L'emendamento completa anche l'obbligo di segnalazione delle parti per quanto riguarda le emissioni di inquinanti atmosferici, nonché i progressi compiuti nel campo della tecnologia e della ricerca.

In base al protocollo rivisto, l'UE si è impegnato a ridurre le emissioni per il 2020 come segue: anidride solforosa - 59% degli ossidi di azoto - 42%, ammoniaca - 6%, composti organici volatili - 28%, e di particolato fine - 22%.

Attualmente, i principali strumenti utilizzati dall'UE per l'attuazione del protocollo di Göteborg sono Emission Soffitti Nazionale (NEC) e le direttive impianti medio di combustione.

La direttiva NEC rivista, adottata nel 2016 è già stato allineato con il protocollo modificato integrando le nuove regole internazionali nel diritto UE e facendo corrispondere gli impegni di riduzione delle emissioni per ogni stato membro dal 2020 al 2029.

Nella direttiva NEC rivista, l'UE ha istituito una riduzione più ambiziosa dal 2030 in poi. Gli obiettivi di riduzione dell'UE sono i seguenti: anidride solforosa - 79% degli ossidi di azoto - 63%, ammoniaca - 19%, composti organici volatili - 40%, e di particolato fine - 49%.

Stampa/PDF
UE: approvato emendamento per migliorare la qualità dell'aria