Un codice apografo di Leonardo da Vinci

Stampa/PDF

L'Università degli Studi di Napoli Federico II possiede un ricchissimo patrimonio di libri antichi e manoscritti, che ha di recente incrementato con l'acquisto di un codice cinquecentesco contenente il testo apografo illustrato del Trattato della Pittura di Leonardo da Vinci.

Il codice sarà presentato al pubblico nell'Aula Pessina (in corso Umberto I, 40), dal Rettore Gaetano Manfredi, dal Prorettore Arturo De Vivo, da Roberto Delle Donne, presidente del Centro di Ateneo per le Biblioteche "Roberto Pettorino", da Alfredo Buccaro, direttore del Centro Interdipartimentale di Ricerca sull'Iconografia della Città Europea e noto esperto leonardiano, da Matteo Angelo Palumbo, raffinato interprete della tradizione letteraria e culturale italiana ed eurpea. Interverrà Carlo Vecce, professore di Letteratura Italiana presso l'Università degli Studi di Napoli L'Orientale, e sarà proiettato un videointervento da Carlo Pedretti, storico dell'arte tra i maggiori studiosi italiani dell'opera vinciana.

Il manoscritto sarà reso liberamente consultabile in formato digitale sulla piattaforma eCo, approntata dal Centro di Ateneo per le Biblioteche "Roberto Pettorino"  per ospitare le collezioni digitali di Ateneo.

Stampa/PDF
Un codice apografo di Leonardo da Vinci