Un futuro europeo sostenibile

Stampa/PDF

L'UE ha svolto un ruolo di primo piano nel processo che ha portato all'adozione del 2030 dell'Agenda per lo sviluppo sostenibile e dei suoi 17 obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS) del settembre 2015. E ora è determinata a prendere l'iniziativa nella sua attuazione.

Le conclusioni adottate dal Consiglio ribadiscono il forte impegno dell'UE e dei suoi Stati membri ad attuare in pieno l'Agenda 2030 e compiere i 17 OSS. A partire dai mezzi e dalle risorse necessarie, come le parti interessate multilaterale può essere coinvolto, alle misure di monitoraggio e revisione futura.

Le conclusioni sottolineano l'importanza di uno sviluppo sostenibile attraverso le tre dimensioni (economica, sociale e ambientale), in modo equilibrato e integrato. E' fondamentale che lo sviluppo sostenibile sia integrato in tutte le politiche, e che l'UE sia ambizioso nelle politiche che utilizza per affrontare le sfide globali.

Il Consiglio invita la Commissione a definire entro la metà del 2018 una strategia di attuazione con scadenze, obiettivi e misure concrete per attuare l'Agenda 2030 in tutte le politiche dell'UE. La Commissione dovrebbe inoltre individuare le lacune da metà del 2018 in cui l'UE deve fare di più entro il 2030 nei settori della politica, la legislazione, le strutture di governance per la coerenza e l'attuazione orizzontale.

L'UE invita gli altri membri delle Nazioni Unite e tutte le parti interessate, compresa la società civile e il settore privato, a contribuire all'attuazione dell'Agenda 2030.

C'è ancora molto da fare per promuovere l'Agenda 2030. Nelle sue conclusioni il Consiglio sottolinea la mancanza di impegno pubblico e chiede azioni per sensibilizzare i cittadini dell'Unione europea.

L'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile 'trasformare il nostro mondo' è stato adottato in occasione del vertice delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile (New York, 25-27 settembre 2015). In quella occasione, una serie di obiettivi di sviluppo sostenibile a livello mondiale hanno sostituito gli obiettivi di sviluppo del millennio.

L'Agenda 2030 risponde alle sfide globali da affrontare come lo sradicamento della povertà e le dimensioni economica, sociale e ambientale dello sviluppo sostenibile in modo globale. I 17 nuovi obiettivi di sviluppo sostenibile e le 169 destinazioni associate coprono aree chiave come la povertà, i diritti umani, la sicurezza alimentare, la salute, consumo e produzione sostenibili, la crescita, l'occupazione, le infrastrutture, la gestione sostenibile delle risorse naturali, gli oceani, i cambiamenti climatici e la parità di genere.

Stampa/PDF
Un futuro europeo sostenibile