Un nuovo ruolo per le space academy

Stampa/PDF

Si è svolto presso il Ministero degli Esteri e della Cooperazione Internazionale, la presentazione dell'International Space Forum for Global Challenges di Trento.

Ospiti della presentazione la comunità diplomatica romana ai quali sono stati illustrati i contenuti, gli obbiettivi e l'agenda dei lavori dell'appuntamento trentino, il primo evento internazionale a livello ministeriale sulle politiche della Formazione e della Ricerca associate ai programmi spaziali.

Il Forum di Trento, organizzato dall'International Astronautical Federation(IAF), dall'International Accademy of Astronautics (IAA) e dall'Agenzia Spaziale Italiana (ASI), ha come obbiettivo il maggior coinvolgimento delle space accademy e delle università nella definizione ed elaborazione delle politiche spaziali per far fronte a sfide globali quali Earth Protection, Climate Change e Big Data Management.

L'idea dell'International Space Forum for Global Challenges nasce dalla considerazione che le space academy e le università sono presenti in tutto il mondo, un network capillare di elevate conoscenze e specializzazioni nelle discipline scientifiche e tecnologiche che sono alla base dei programmi spaziali.

Questo network di conoscenza è quindi una ricchezza fondamentale sia per i paesi sviluppati, che per i paesi in via di sviluppo, a cui il Forum è particolarmente dedicato. Le università e le accademie, rappresentano l'unico modo, per questi paesi, di contribuire concretamente all'esplorazione e allo sfruttamento della risorsa spazio a fini pacifici.

Per questo motivo il coinvolgimento da parte dei ministri delle autorità responsabili è il primo passo verso una sempre più ampia e condivisa consapevolezza che le conoscenze e le tecnologie spaziali sono necessarie per affrontare le grandi sfide dell'umanità a cui tutti sono chiamati a contribuire.

Per raggiungere questo scopo il Forum di Trento, che ascolterà anche autorevoli esponenti della comunità internazionale spaziale e delle Nazioni Unite, valuterà le proposte e le azioni suggerite dai vari paesi per elaborare un manifesto, utile a suggerire strumenti d'intervento e condividere strategie di cooperazione al fine di contribuire alla soluzione di alcune delle sfide globali.

'Lo spazio è un bene comune - ha commentato il Presidente dell'ASI e vicepresidente dello IAF, Roberto Battiston - Per questo è necessario elaborare insieme le politiche che ci permetteranno di fare dello spazio la risorsa fondamentale per garantire un futuro migliore all'umanità'.

Stampa/PDF
Un nuovo ruolo per le space academy