UNA SVOLTA NELLA CURA DEI BAMBINI AFFETTI DA HIV

Stampa/PDF

L'affezione da HIV è una di quelle piaghe sociali, oltre che strettamente mediche, che non si debellano con faciltà. La malattia porta con se uno stigma sociale che, specie se rivolto ai bambini che pure ne sono affetti molto spesso senza alcuna colpa specifica, lascia davvero il segno. Ecco perchè la notizia proveniente dal Canada di una cura per HIV sui bambini non può che riempire di gioia.

Ricercatori canadesi pensano di aver fatto un importante passo avanti nel trattamento di bambini con il virus dell'immunodeficienza umana (HIV). La loro ricerca dimostra che agisce su fasi diverse del processo di replicazione virale bloccandolo.

Lo studio nasce da una collaborazione tra l'Ospedale dei Bambini dell' Ontario orientale (CHEO), il CHU Sainte-Justine di Montreal, l'Hospital for Sick Children, e l'Università di Toronto. I risultati, , sono stati recentemente pubblicati sulla rivista Clinical Infectious Diseases.

I ricercatori hanno identificato più di 130 bambini nati da HIV-infetti, che sono stati tutti sottoposti a triplice terapia entro tre giorni dopo la loro madre naturale. Dodici bambini hanno ancora sviluppato il virus, ma ulteriori trattamenti hanno contribuito a rendere la carica virale non rilevabile in quattro di loro.

Si tratta di un importante passo avanti ha dichiarato Hugo Soudeyns, un ricercatore presso l'Ospedale Sainte-Justine. "Il successo nel controllare il virus, è qualcosa che quindici anni fa, non era fattibile ". L'ONU stima che circa 260.000 bambini sono infettati ogni anno con l'HIV, trasmesso dalle madri. L'Africa è il paese più colpito con l'88% di nuovi casi. In assenza di interventi, un terzo dei bambini muoiono prima di un anno di età e metà prima dei due anni.

Stampa/PDF
UNA SVOLTA NELLA CURA DEI BAMBINI AFFETTI DA HIV