Unione Europea: nuove norme sulla pesca

Stampa/PDF

Raggiunto l'accordo politico tra Consiglio e Parlamento europeo sulle nuove regole per la gestione sostenibile delle flotte di pesca esterne.

Il regolamento concordato sarà modernizzare il regime delle autorizzazioni di navi da pesca e si applicherà a tutti i pescherecci UE operanti al di fuori delle acque comunitarie e alle navi di paesi terzi operanti nelle acque comunitarie.

L'onorevole Clint Camilleri, Sottosegretario Maltese dell'agricoltura, della pesca, e diritti degli animali ha accolto con favore l'accordo e ha detto che "grazie a queste nuove e più trasparenti le regole dell'UE saranno meglio attrezzati per monitorare la sua flotta esterna, e per la lotta contro la pesca illegale. Siamo orgogliosi di concludere il nostro semestre di pesca con la secca un risultato importante".

La politica comune della pesca riformata (PCP) promuove un approccio sostenibile, basato sull'ecosistema, e precauzionale di gestione della pesca, sottolineando la coerenza tra la sua dimensione interna ed esterna. Una revisione del precedente regime delle autorizzazioni Pertanto è stato necessario per fare in modo che le attività di pesca UE fuori delle acque dell'Unione rispettino gli stessi principi e criteri di quelle applicabili nelle acque dell'UE.

Le diverse procedure di autorizzazione sono migliorate per limitare l'onere amministrativo, aumentare la certezza, garantire lo stesso trattamento flotte interne ed esterne, e ridurre il tempo di risposta ai richiedenti.

Inoltre, il nuovo quadro rafforzerà le regole contro la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata (INN), che stanno attuando pilastri fondamentali della PCP.

L'accordo deve ancora essere approvato dal RepresentativesCommittee del Consiglio permanente (Coreper). Dopo l'approvazione formale da parte del Consiglio, la nuova legislazione sarà presentata al Parlamento europeo per una votazione in prima lettura e al Consiglio per l'adozione definitiva.

Stampa/PDF
Unione Europea: nuove norme sulla pesca